Uk, Johnson conquista una maggioranza schiacciante

Giulia Belardelli
Ansa

Con il voto di ieri “abbiamo provocato un terremoto, ora dobbiamo raccogliere la sfida”. È quello che ha detto il premier conservatore Boris Johnson in un discorso pronunciato davanti ad alcuni suoi collaboratori, secondo quanto rivela Buzzfeed. “Dobbiamo capire adesso che terremoto abbiamo provocato - ha affermato - Il modo in cui abbiamo cambiato la mappa politica di questo Paese. Dobbiamo affrontare le conseguenze, cambiare il nostro stesso partito, essere all’altezza degli eventi. Dobbiamo raccogliere la sfida che il popolo britannico ci ha consegnato”.

Non solo una maggioranza assoluta, ma una maggioranza schiacciante. Come i conservatori non vedevano dai tempi di Margaret Thatcher. Il partito conservatore britannico si è assicurato la maggioranza nella Camera dei Comuni, la camera bassa del Parlamento britannico. Il partito guidato dal primo Ministro Boris Johnson, con quasi tutti i seggi ormai assegnati, ne ha ottenuti 364 su 650, ben oltre la soglia dei 326 necessari per governare senza bisogno di alleanze con altri partiti.

Sono numeri che consegnano a BoJo una vittoria schiacciante, un’autostrada nella sua promessa di realizzare la Brexit - “Get Brexit done” - a tre anni e mezzo dal referendum. Secondo Andrew Marr della Bbc, è possibile che, dato il trionfo di Boris, il Parlamento sia chiamato a votare l’accordo sulla Brexit già il 21 dicembre, il sabato prima di Natale, aprendo la strada a un’approvazione alla Camera dei Lord tra Natale e Capodanno. Oltre un mese prima del 31 gennaio, ultimato ultimatum di Bruxelles a Londra.

“Grazie a tutti quelli che hanno votato da ogni parte nel nostro grande Paese, che hanno fatto i volontari, che si sono candidati. Viviamo nella più grande democrazia del mondo”, è il primo commento di Johnson via Twitter, mentre la sterlina vola al dissolversi dello spettro di un hung Parliament.

Tra i primi risultati definitivi, i Tories conquistano Blyth Valley, roccaforte laburista dagli anni...

Continua a leggere su HuffPost