Elezioni Usa, Biden: "A conteggio finito avremo vinto"

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

"Non sono qui per dichiarare che abbiamo vinto, ma sono qui per dire che quando il conteggio sarà finito, noi saremo i vincitori". Lo ha detto Joe Biden parlando agli americani da Wilmington, nel Delaware, ricordando che "la democrazia è un pilastro fondante della nostra Nazione". "Il potere è nelle mani del popolo, è il popolo che deve decidere ed è lui che determina chi sarà il presidente", ha aggiunto Biden nel corso di un punto stampa. "Nessuno di noi è ingenuo. Sappiamo che abbiamo punti di vista divisivi su diversi temi, ma dobbiamo andare avanti, dobbiamo smetterla di trattare i nostri rivali come nemici. Ciò che ci unisce è più forte di quello che ci divide", ha dichiarato il candidato democratico che, secondo le proiezioni della Cnn, ha vinto in Michigan con il 49,8% contro il 48,7% di Donald Trump, . Con i 16 voti elettorali dello stato che nel 2016 fu vinto da Trump l'ex vice presidente arriva ad un passo dal numero magico dei 270 voti elettorali.

"Sono sicuro di questa vittoria. Sarà la vittoria del popolo e della democrazia americana", ha detto ancora Biden, promettendo che, se sarà eletto, sarà il presidente di "tutti gli americani" e lavorerà "moltissimo anche per chi non ha votato per me". "L'America si è allontanata troppo dal concetto di democrazia, noi come popolo non ci arrenderemo né ci faremo bullizzare", ha aggiunto.

"Ogni voto deve essere contato. E' la volontà del popolo, e solo quella, che determina chi sarà il presidente degli Usa. Ora, dopo una lunga notte di conteggi, è chiaro che stiamo conquistando abbastanza Stati per raggiungere i 270 voti elettorali necessari per la presidenza. Non sono qui per dichiarare che abbiamo vinto, ma per dire che, quando il conteggio sarà terminato, crediamo che saremo i vincitori", ha sottolineato.

"Io e la senatrice siamo sulla via per ottenere più voti" di quanti non siano mai stati ottenuti da un candidato presidente nelle elezioni precedenti, "oltre 70 mln di voti. Solo tre campagne presidenziali, nel passato, hanno sconfitto un presidente in carica. Quando sarà finito" il conteggio, "a Dio piacendo, saremo in testa", ha concluso.