Elezioni Usa, Biden si insedia e Trump si ricandida?

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Donald Trump non solo non intende in alcun modo riconoscere la vittoria di Joe Biden alle elezioni Usa 2020, ma sta pensando di mostrare sin da subito che sarà una spina nel fianco del nuovo presidente annunciando la sua candidatura alle elezioni del 2024 proprio nel giorno dell'insediamento il prossimo 20 gennaio.

E' quanto hanno riferito al Daily Beast tre fonti informate dei colloqui che Trump sta avendo con consiglieri ed alleati, sondando i possibili finanziatori e discutendo il momento migliore per annunciare la candidatura, in modo da poter mantenere il controllo del partito repubblicano.

In questi colloqui, il presidente ha quindi avanzato l'idea di lanciare la candidatura durante la settimana dell'inauguration, o addirittura nell'Inauguration Day, il 20 gennaio, guastando la festa all'avversario.

Trump infatti ha spiegato ai suoi di essere convinto che riuscirà a continuare a rubare la scena a Biden anche quando questo sarà nello Studio Ovale, anche perché i media preferiscono concentrarsi su di lui "che fa salire gli ascolti, mentre Biden è noioso".

Le rivelazioni del sito arrivano dopo che giovedì Bloomberg ha riportato che nei giorni scorsi in una riunione con il consigliere per la Sicurezza Nazionale, Robert O'Brien, il vice presidente Mike Pence e il segretario di Stato Mike Pompeo, Trump ha detto che se non riuscirà a far annullare i risultati delle elezioni del 2020 si candiderà nel 2024. "Se lo farà penso di parlare a nome di tutte le persone in questa stanza, saremo con Lei al 100%", avrebbe risposto O'Brien, secondo quanto rivelato.