Harris: "Prima donna vicepresidente ma non sarò l'ultima"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Prima di morire, John Lewis ha scritto: 'La democrazia non è uno stato, è un atto'. Ciò che voleva dire è che la democrazia americana non è scontata. E' forte quanto forte è la vostra volontà di combattere per essa". Così la vicepresidente eletta Kamala Harris, nel discorso della vittoria a Wilmington.

Vestita di bianco Harris sale sul palco indossando la mascherina. "Noi, il popolo, abbiamo il potere di costruire un futuro migliore. E voi avete fatto entrare un nuovo futuro in America" dice la vicepresidente eletta, sottolineando che "la democrazia richiede sacrifici ma è gioia".

"Avete votato per la speranza, l'unità, la dignità, la scienza e la verità quando avete scelto Joe Biden come prossimo presidente degli Stati Uniti - scandisce - Per quattro anni, avete marciato e vi siete organizzati per l'eguaglianza e la giustizia, per le nostre vite e il nostro pianeta. E poi avete votato".

Poi, le parole sono per il presidente eletto e la moglie. "Joe è una persona che unisce e guarisce - dice Harris - Jill sarà un'incredibile first lady".

Quanto a sé, "sono la prima donna in questo incarico" di vicepresidente, ma "non sarò l'ultima, perché ogni bambina che assisterà a questa notte vedrà che questo è il Paese delle possibilità".

Harris ha lodato "il coraggio" di Joe Biden "per aver scelto una donna come vicepresidente", e ha ricordato sua madre, arrivata dall'India negli Stati Uniti quando aveva 19 anni.