Elezioni Usa, le star di Hollywood con Biden / Speciale elezioni

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

Hollywood spinge Joe Biden verso la presidenza. Alimentate dall'endorsement di star come George Clooney o degli attori della saga Marvel e da una forte opposizione a Donald Trump, quest'anno le raccolte fondi virtuali (a causa della pandemia) del Partito Democratico in California hanno superato tutti i record.

Elezioni Usa, lo speciale

Nel Golden State, storica roccaforte democratica, Biden - secondo gli ultimi sondaggi - è avanti di oltre 30 punti sul ​​suo avversario nella corsa alla Casa Bianca. I californiani da soli con i loro voti non possono determinare il risultato delle elezioni del 3 novembre, ma le loro donazioni finanziarie pesano molto a livello nazionale e gli esperti dicono di non aver mai visto un attivismo così intenso da parte delle celebrità.

Come riporta la stampa americana, durante la campagna gli attori di serie e sit-com famose come Seinfeld, Happy Days e The West Wing hanno organizzato incontri in rete a sostegno di Biden, soprattutto su Zoom, ma la mobilitazione non riguarda solo le star e coinvolge autori, registi, produttori e agenti.

I posti per una discussione virtuale con Hillary Clinton condotta nei giorni scorsi dalla comica Amy Schumer, ad esempio, sono stati venduti a 50mila dollari. Secondo fonti del Partito Democratico in California finora è stato raccolto quasi il doppio rispetto a quattro anni fa.

La California è un vero e proprio 'bancomat' per Biden. L'ong Center for Responsive Politics (Crp) stima che i contributi del Golden State ai democratici siano stati tra i 105 ed i 150 milioni di dollari, circa il 20% della somma totale raccolta dalla loro campagna. Per fare un confronto, Donald Trump ha ottenuto circa 60 milioni di dollari in California. Hollywood resta il cuore dei finanziamenti a Biden, ma un ruolo importante ce l'ha anche la Silicon Valley con le sue aziende tecnologiche.

Contrariamente a quanto si temeva all'inizio con la fine dei cocktail e delle cene di gala, la pandemia non ha prosciugato la raccolta fondi. Al contrario, gli eventi virtuali sembrano aver reso le cose più facili per tutti, secondo gli esperti. Le celebrità non devono più destreggiarsi tra i complicati programmi delle riprese né stringere centinaia di mani. Lo stesso vale per i ricchi donatori, che possono ancora incontrare i loro idoli sebbene solo virtualmente.

Secondo il Crp, tra i maggiori donatori di quest'anno spiccano Steven Spielberg con 5,1 milioni di dollari e l'attore-produttore Seth MacFarlane con 3,6 milioni.