Elezioni Usa, Obama: "Accuse Trump senza fondamento"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Quando Donald Trump ha vinto, sono rimasto sveglio fino alle 2.30 del mattino e poi l'ho chiamato per fargli le congratulazioni. Il suo margine di vittoria su Hillary Clinton non era più grande di quello di Joe Biden ora su di lui". E' quanto ha detto Barack Obama nell'intervista alla Cbs che andrà in onda domani.

"Ma se ascoltate alcuni talk radiofonici che ascoltano gli elettori di Trump, se guardate Fox News, se ricevete tutti questi tweet vengono presentati come fatti queste accuse" di brogli che "non hanno fondamento legale", continua l'ex presidente. "Così ci sono milioni di persone che dicono 'ci devono essere stati imbrogli perché lo dice il presidente'".

Nell'intervista, che Obama ha rilasciato alla vigilia della pubblicazione il 17 novembre della sua autobiografia 'The Promised Land', l'ex presidente democratico critica l'atteggiamento dei leader repubblicani. "Ovviamente non pensano che vi sia stata alcuna frode perché non l'hanno detto per i primi due giorni - afferma secondo quanto anticipato dal network - ma questo è un danno per l'idea della transizione pacifica del potere, l'idea che ognuno di noi che arriva a un ufficio elettivo, sia accalappiacani o presidente, è al servizio del popolo. E' un lavoro temporaneo".

Obama comunque si dice certo che "Joe Biden sarà il prossimo presidente degli Stati Uniti e Kamala Harris la vice presidente".