Elezioni Usa, Pence: "Non posso decidere conteggio voti"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Il vice presidente degli Stati Uniti Mike Pence, sollecitato ancora oggi da Donald Trump ad avere "coraggio estremo" in occasione della certificazione dell'esito delle elezioni da parte del Congresso -sospesa poi per l'irruzione di manifestanti nel complesso- ha scritto una lettera a deputati e senatori per chiarire il suo ruolo. "La mia valutazione - ha scritto - è che il giuramento fatto di sostenere e difendere la Costituzione mi impedisce di rivendicare l'autorità unilaterale di determinare quali voti elettorali debbano essere contati e quali no".

Nella veste di presidente del Congresso riunito in seduta congiunta per certificare l'esito del voto del 3 novembre "mi assicurerò che a ogni contestazione presentata da deputati e senatori sarà data appropriata considerazione e che tutti i fatti a sostegno di queste obiezioni siano portate davanti al Congresso ed al popolo americano". "Considerate le irregolarità nel voto che ci sono state a novembre e il disprezzo delle regole elettorali da parte di alcuni funzionari, accolgo con favore gli sforzi dei membri della Camera e del Senato" che hanno sollevato obiezioni rispetto ai risultati sulla base della legge.

Trump: "Nessuna resa, vinco io se Pence fa cosa giusta"