Elezioni Usa, Trump: "E' in atto una frode". Biden: "Non decide lui chi vince"

webinfo@adnkronos.com
·3 minuto per la lettura

Un duello all'ultimo voto. Per la corsa alla Casa Bianca è testa a testa tra Donald Trump e Joe Biden (Speciale elezioni).

Un presidente battagliero ha fatto il suo ingresso nella East Room della Casa Bianca alle 2.21 ora di Washington - "mai avevo tenuto una conferenza stampa così tardi" - per rivendicare la vittoria alle elezioni. Davanti alla sua famiglia e alla first lady Melania, che ha ringraziato, al fianco il vice presidente Mike Pence, e in sala circa 150 persone tutte senza mascherina, il presidente è stato accolto dalle urla "We love Trump", da grida di giubilo e applausi.

"Noi ci preparavamo a vincere queste elezioni, a dire il vero abbiamo vinto queste elezioni" ha detto Trump, in un discorso che è stato di fatto un discorso della vittoria, denunciando che "è in atto una frode nei confronti degli americani, un imbarazzo".

"Noi andremo alla Corte Suprema, vogliamo che questo si fermi" ha scandito il presidente, affermando che "questo è un momento molto triste" in cui deve intervenire per difendere quella che lui sostiene essere una sua chiara vittoria elettorale. "Noi vogliamo che la legge sia usata nel modo giusto" ha detto, facendo capire che intende chiedere di bloccare in qualche modo il conteggio delle schede elettorali arrivate per posta. "Lo avevo detto che sarebbe successo, lo sapevano che non potevano vincere", ha affermato ancora.

"Siamo pronti per un grande festeggiamento", "stiamo vincendo praticamente tutto" ha affermato il presidente americano che ha parlato di "risultati eccezionali" e di "numeri record alle urne", rivendicando un "successo incredibile".

"Stiamo vincendo in Pennsylvania con un vantaggio tremendo" e, ancora, "quando vinci il Texas, è un grande risultato" ha scandito, aggiungendo di aver parlato con il "meraviglioso governatore" del Texas, che "ha chiamato per fare le congratulazioni" perché "abbiamo vinto il Texas". "La vittoria è chiara", ha aggiunto, riferendo che il governatore gli ha detto di "non aver mai visto nulla di simile".

Joe Biden da parte sua ha esortato ad avere "pazienza" e aspettare l'esito del voto. "Noi crediamo di poter vincere queste elezioni" ha detto parlando ai sostenitori in Delaware. "Siamo contenti di dove siamo arrivati", ha aggiunto l'ex vice presidente, ci "sentiamo bene su Wisconsin e Michigan e vinceremo in Pennsylvania".

"Mantenete la fiducia, vinceremo" ha scandito in conclusione del suo discorso da Wilmington, ribadendo di essere "ottimista". "Non decide Trump chi vince, ma il popolo". Biden ha sottolineato la soddisfazione per "il grande lavoro fatto: noi siamo contenti per la posizione in cui ci troviamo, veramente, vinceremo queste elezioni".

Il candidato democratico alla presidenza Usa ha poi chiesto una ''pausa'', spiegando che non rilascerà più dichiarazioni sull'esito del voto fino alla mattina. Lo hanno reso noto fonti giornalistiche vicine al candidato democratico.

A farsi sentire è però la campagna di Biden. "Le dichiarazioni fatte dal presidente sul tentativo di chiudere lo spoglio di voti regolarmente espressi erano scandalose, senza precedenti, scorrette" ha dichiarato Jen O’Malley Dillon, manager della campagna di Joe Biden. "Sono scandalose perché sono un aperto tentativo di privare gli americani dei loro diritti democratici".

"Sono senza precedenti - ha aggiunto - perché mai prima nella nostra storia un presidente degli Stati Uniti ha cercato di privare gli americani della loro voce in un'elezione nazionale. Dopo aver incoraggiato gli sforzi dei repubblicani in molti stati per impedire un legale spoglio di quelle schede prima dell'Election Day, ora Donald Trump sostiene che quelle schede non possono neanche essere conteggiate dopo il giorno del voto".

E le dichiarazioni "non sono corrette perché non accadrà. Lo spoglio non si fermerà. Proseguirà fino al momento in cui ogni singolo voto espresso legalmente sarà stato conteggiato. Perché questo è quanto le nostre leggi - le leggi che tutelano il diritto costituzionale di ogni americano a votare - richiedono".

"Ribadiamo ciò che il vicepresidente ha detto stasera: Donald Trump non decide l'esito di queste elezioni. Joe Biden non decide l'esito di queste elezioni. Il popolo americano decide l'esito di queste elezioni. E il processo democratico deve e continuerà ad andare avanti fino alla sua conclusione".