Elezioni Usa, Trump: "Nessuna resa, vinco io se Pence fa cosa giusta"

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

"Se Mike Pence fa la cosa giusta, noi vinciamo le elezioni. Il nostro paese ne ha avuto abbastanza. Fermeremo il furto. Mike Pence deve farsi avanti, se non lo fa sarà un giorno triste per il nostro paese. Ha giurato di sostenere la nostra Costituzione". Donald Trump infiamma la folla di Washington. Migliaia di persone hanno aderito alla manifestazione 'Save America' nella giornata in cui il Congresso è chiamato a certificare la vittoria di Joe Biden nelle elezioni Usa 2020, Trump, su un palco protetto da un vetro, arringa i suoi sostenitori e esorta il vicepresidente Mike Pence ad agire. "Tutto quello che il vice presidente deve fare è rimandare indietro agli stati" i voti "per una nuova certificazione".

"Oggi mostrerò alcune delle prove in base a cui abbiamo vinto queste elezioni a valanga. In ogni stato chiave, funzionare locali hanno apportato modifiche illegali e incostituzionali alle procedure elettorali senza il mandato dei legislatori statali. Questi cambiamenti hanno aperto la strada a frodi mai viste mai prima: non si possono apportare modifiche al processo elettorale in un voto federale senza il mandato dei legislatori. Ho vinto due elezioni, la seconda volta ho vinto con un margine nettamente superiore rispetto alla prima. Quasi 75 milioni di persone hanno votato per me, cifra nettamente superiore rispetto a qualsiasi presidente in carica, 4 milioni in più rispetto a 4 anni fa", afferma Trump.

"I veri sondaggisti dicevano che se fossi salito a 66 milioni di voti avrei vinto: sono arrivato a 75 milioni e dicono che ho perso. C'è qualcuno che crede che Joe abbia avuto 80 milioni di voti? Ha avuto 80 milioni di voti dei computer... E' una vergogna, non è mai successo niente del genere: nei paesi del terzo mondo le elezioni sono più oneste. Non lasceremo che mettano a tacere le vostre voci. Hanno usato la pandemia per ingannare la gente -dice Trump-. E' un furto vero, le elezioni erano finite alle 10 di sera: eravamo in testa di centinaia di migliaia di voti in Pennsylvania, Georgia... Poi, di mattina presto, quest'esplosione di stronzate...".

"Marceremo fino al Campidoglio per incoraggiare i nostri senatori e deputati. Non festeggeremo alcuni di loro... Non ci riprenderemo il nostro paese con la debolezza, bisogna essere forti. Siamo venuti per chiedere al Congresso di fare la cosa giusta e contare solo voti legali", dice rivolgendosi alla folla. "Ognuno qui marcerà pacificamente verso il Congresso per far sentire la propria voce affinché ogni repubblicano si batta per l'integrità delle elezioni e per il paese. Se dovessero fare la cosa sbagliata, non lo dimenticheremo mai".