Elezioni: Vincenzo Vita, 'Par condicio in tv costantemente violata; è tempo di regolamentare il comparto dei social'

(Adnkronos) - Elezioni politiche in arrivo, tempo di dibattiti a raffica. A guardare le edizioni dei tg in tv o le trasmissioni dedicate ai botta e risposta quotidiani, un dato emerge con evidenza: "la legge n. 28 del 2000 (par condicio) è costantemente violata". A dirlo all'Adnkronos è proprio l'ideatore della legge Vincenzo Vita.

"Agli smemorati -sottolinea- va ricordato che la normativa è in vigore dalla serata dello scorso giovedì 21 luglio, quando è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale (online) il decreto firmato dal presidente Mattarella. Il testo della disciplina sulla parità di accesso ai mezzi di informazione nei periodi elettorali, tuttora in vigore e mai abrogata, introduce tempistiche diverse per stabilire le modalità di rappresentazione dei soggetti in campo. I criteri sono stabiliti secondo le proporzioni mutuate dalle assemblee disciolte fino alla presentazione delle liste, per divenire egualitari nell’ultima fase".

E le personalità politiche e il governo come possono essere presenti? "Solo nel caso vi siano strette esigenze di 'notiziabilità', proprio per evitare forme improprie di cattura del consenso. Insomma, la comunicazione (news a parte) deve avvenire attraverso appositi 'contenitori' collegati alle testate giornalistiche. E poi, naturalmente, ci sono le tribune, nonché i messaggi autogestiti dei vari partiti". (segue)

'Social pervasivi: si ricorre a fb o a tw come 'bacheche' elettroniche'

Sulla materia sono attesi i regolamenti applicativi della legge, varati dall'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e dalla Commissione parlamentare di Vigilanza. "Che dio le assista -esclama Vita- Di fronte a un considerevole aumento dell’ascolto dei programmi (il racconto della crisi è stato finora 'dramma e telenovela'), siamo davanti a un'ampia cancellazione della l.28/2000. Il delitto, forse, non era mai stato così perfetto. E tutto ciò non sembra suscitare neppure quel minimo senso di colpa, che pure le infrazioni di solito suscitano".

Nell’attuale contesto in cui la politica è ormai un 'format' spalmato in trasmissioni lunghissime e a basso costo, "la par condicio -sostiene Vita- avrebbe un valore persino maggiore. La campagna elettorale stavolta si svolge in un periodo estivo assai poco adatto ai comizi di piazza: i media faranno la parte del leone e la formazione dell'opinione pubblica passerà soprattutto dal video e dalle onde hertziane. I quotidiani ormai hanno un’influenza minore".

Ma oggi più della metà dell’universo informativo è costituito dai social... "S', con un ruolo crescente e pervasivo. In questa gara in testa ci sono Salvini e Meloni, cui segue Conte. Le anime progressiste (o di sinistra) sembrano stentare a entrare nelle logiche dell’istantaneità. Troppo spesso si ricorre a Facebook o a Twitter come 'bacheche elettroniche'. TikTok è, almeno in parte, ignorato, pur essendo il luogo di attrazione dei giovani. Sarebbe il momento giusto per regolare questo comparto". (di Rossella Guadagnini)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli