Madagascar, elicottero cade in mare: ministro nuota per 12 ore

·1 minuto per la lettura

L'elicottero precipita in mare, lui si salva dopo aver nuotato ''per dodici ore''. E' successo in Magadascar, protagonista un ministro del governo. "Non è ancora arrivato il mio momento per morire", ha detto il ministro Serge Gelle, 57 anni, sdraiato su una barella alla polizia che lo ha soccorso. Allo schianto è sopravvissuto anche un altro funzionario della sicurezza del Madagascar, che viaggiava con Gelle. Restano dispersi il pilota dell'elicottero e un altro ufficiale che era a bordo. Dicendosi infreddolito, Gelle ha spiegato che l'elicottero su cui viaggiava ha perso il controllo dopo una forte raffica di vento e che lui si è salvato dopo aver nuotato dalle "7.30 di ieri sera fino alle 7.30 di questa mattina" arrivando a Mahambo. Dopo trent'anni di servizio nella polizia, Gelle è stato nominato ministro ad agosto.

L'elicottero precipitato era impegnato in una missione di ricognizione dopo la segnalazione di un naufragio nel nord est del Paese. Secondo l'Agenzia marittima locale il bilancio delle vittime del naufragio è di 64 morti, ai quali si aggiungono almeno altri venti dispersi. Sono invece 45 i sopravvissuti tratti in salvo. Il presidente del Madagascar Andry Rajoelina ha espresso su Twitter ''profonda tristezza per il naufragio al largo di Antsiraka e per il suo terribile bilancio'' proclamando ''lutto nazionale per la giornata del 23 dicembre''.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli