Elicottero russo disperso trovato sul fondale Artico, otto morti

Bea

Oslo, 29 ott. (askanews) - Un elicottero russo scomparso sopra il mare Artico al largo delle isole norvegesi delle Svalbard nei giorni scorsi è stato trovato sul fondale e gli otto russi a bordo sono considerati morti, secondo le squadre di soccorso norvegesi. L'elicottero Mil Mi-8, con a bordo cinque membri dell'equipaggio e tre scienziati, è scomparso giovedì mentre era in volo verso Barentsburg da Pyramiden, ex comunità di minatori nelle Svalbard oggi attrazione turistica. E' caduto a due o tre chilometri da Barentsburg, insediamento minerario russo nell'arcipelago.

"La carcassa dell'elicottero russo è stata localizzata a nordest di Heerodden alla profondità di 209 metri" si legge in una nota dei servizi si soccorso. "La ricerca si è ora conclusa ed è iniziata la fase di ricerca delle presunte vittime".

La Norvegia ha ottenuto la sovranità sulle Svalbard, a circa mille chilometri dal Polo Nord, in base al Trattao di Parigi del 1920. I cittadini di tutti gli Stati firmatari del trattato godono di "uguale libertà di accesso e ingresso" nelle acque e nel territorio delle Svalbard. Perciò la Russia gestisce una miniera di carbone a Barentsburg, che ospita centinaia di minatori russi e ucraini.

(fonte Afp)