Elisa Pomarelli sarebbe stata strangolata. Il punto sull'omicidio di Piacenza

Si definiscono i contorni dell'omicidio di Elisa Pomarelli e della latitanza dell'assassino reo confesso Massimo Sebastiani, il tornitore di 45 anni arrestato sabato dopo 13 giorni di caccia all'uomo nei boschi del Piacentino. Nella notte i carabinieri hanno arrestato Silvio Perazzi, il padre di una sua ex fidanzata, accusato di "favoreggiamento personale" in omicidio per aver coperto gli spostamenti di Sebastiani.

In particolare l'uomo avrebbe cercato di depistare i carabinieri e, quasi certamente, aveva ospitato per qualche notte in casa l'amico in fuga. Dalle indagini stanno emergendo anche i primi dettagli dell'omicidio della 28enne il cui corpo è stato rinvenuto in località Costa di Sariano di Gropparello, poco distante dal casolare in cui è stato arrestato Sebastiani, proprio grazie alle indicazioni del suo assassino.

In attesa dell'autopsia che sarà eseguita nei prossimi giorni, l'operaio avrebbe già ammesso di averla strangolata. Il movente andrebbe ricercato nell'amore non corrisposto per quella giovane che per lui era diventata come un'ossessione mentre lei lo considerava solo un amico. I due erano spariti il 25 agosto dopo un pranzo insieme in un ristorante di Carpaneto: l'omicidio sarebbe avvenuto di li' a poco: i due erano andati nella casa di Sebastiani a Campogrande di Carpaneto e li' l'uomo l'avrebbe strangolata, nel pollaio.

L'uccisione sarebbe il frutto di un raptus durante una lite, probabilmente per un approccio respinto. Poco prima la ragazza avrebbe mandato un messaggio a qualcuno chiedendogli se voleva delle uova: un'ultima, banale comunicazione, prima che quello che credeva un amico mettesse fine alla sua vita.