Elisabetta II e la borsetta che porta sempre con se, cosa contiene?

regina-elisabetta

La presentazione ufficiale di Boris Johnson come Primo Ministro britannico avvenuta il 24 luglio è stata l’occasione per far attirare l’attenzione sulla regina Elisabetta II. In particolare molte persone si sono soffermate su quello che apparentemente è un dettaglio bizzarro nel vestiario della regina: la sua borsetta. Nelle immagini circolate in rete infatti, si può vedere la sovrana aggirarsi a Buckingham Palace con una borsetta sottobraccio. Un fatto inusuale, dato che in pochi girerebbero con la borsetta a casa propria.

Elisabetta e la sua preziosa borsetta

Si è quindi subito scatenata la curiosità dell’opinione pubblica inglese, che ha iniziato a lanciare ipotesi fantasiose sul contenuto della borsetta. La realtà è però molto più semplice di quanto sembri e la stessa borsetta è un accessorio accuratamente studiato per le esigenze della regina, esattamente come il suo intero guardaroba. Elisabetta II è infatti nota anche per i suoi vestiti dai colori sgargianti con cappellini abbinati, un espediente per riuscire a farsi individuare dai sudditi anche a grande distanza in mezzo alla folla.

Anche la borsetta però ha le sue particolarità. I 200 diversi modelli che Elisabetta II ha nei suoi armadi provengono tutti dall’azienda inglese Launer, che la rifornisce dell’accessorio dal 1968. Il modello preferito dalla sovrana è il Traviata, da 2mila euro, al quale ha fatto apportare delle modifiche al manico in modo che possa reggerlo più comodamente.

La borsetta della regina non è però solo un accessorio ma un pratico modo per comunicare a distanza con il suo staffa personale. Come riporta il quotidiano inglese The Daily Telegraph infatti, se la regina dovesse appoggiare la borsetta sul tavolo durante una cena, significa che intende terminarla entro 5 minuti. Se invece la posa a terra vuol dire che si sta annoiando, mentre se se la passa da un braccio all’altro durante una conversazione sta indirettamente dicendo di voler tagliare corto.

Il contenuto della borsa

Sul contenuto della borsetta di Elisabetta II si sono avute negli anni numerose indiscrezioni da parte di giornalisti e frequentatori degli ambienti reali, che però hanno notevolmente sminuito le aspettative del pubblico. La scrittrice Sally Bedell Smith, autrice di una biografia sulla regina dal titolo Elizabeth the Queen: The Woman Behind The Throne, ha raccontato di quanto l’allenatore della squadra dell’Hull City Phil Brown sbirciò dentro la borsetta della monarca.

In quell’occasione, Brown non vi trovò niente di eccezionale: “C’erano tutte le cose che ti aspetteresti: trucco, portamonete, dolcificanti per il caffè, le solite cose. Uno immagina che la Regina abbia una ragazza che le porti la borsetta, ma per lei era quasi una copertina di Linus”. Un’assistente della Bedell Smith ha successivamente spiegato come la regina preferisca portare con se poche cose nella borsa. Tra queste un pettine, un rossetto, un pacchetto di fazzoletti, un paio di occhiali da vista, delle mentine e una penna. È raro che Elisabetta II porti con se del denaro, fatta eccezione per una banconota da 5 o 10 sterline da utilizzare come offerta durante la messa.

L’unico dettaglio veramente bizzarro della borsetta di Elisabetta II è probabilmente l’apposito gancio per appenderla. Sempre la Bedell Smith riporta infatti una dichiarazione di Jean Willis, che diceva: “Ho visto che la regina apriva la borsa, tirava fuori una ventosa e ci sputava sopra senza dare nell’occhio; poi appiccicò la ventosa sotto il tavolo; aveva un gancio e lei ci appese la sua borsetta”.