Elisabetta II: Mattarella e Draghi, una protagonista eccezionale della storia

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 8 set. (askanews) - "Una figura eccezionale", una "protagonista assoluta della storia". Così il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il presidente del Consiglio Mario Draghi commentano la morte della regina Elisabetta II.

Nel messaggio inviato a Sua Maestà il Re del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, il figlio Carlo, Mattarella scrive: "In occasione della scomparsa della Regina Elisabetta II giungano a Vostra Maestà, alla famiglia reale e a tutti i cittadini del Regno Unito le più sentite condoglianze della Repubblica Italiana e mie personali". Per Mattarella "una figura di eccezionale rilievo entra nella storia. Se ne ricorderà - prosegue - l'autorevole saggezza e l'altissimo senso di responsabilità, espresso soprattutto nella generosità di spirito con la quale la Sovrana ha consacrato la sua lunga vita al servizio dei cittadini britannici e della più ampia famiglia del Commonwealth".

"Nel corso di sette decenni - sottolinea il capo dello Stato - ha rappresentato per milioni di donne e uomini un esempio di dedizione, mantenendo uno sguardo sempre rivolto al futuro e alle esigenze dei tempi che ha attraversato. Il popolo italiano e i suoi rappresentanti istituzionali che hanno avuto l'onore di incontrare la Regina Elisabetta II ne hanno potuto ammirare la straordinaria levatura e l'ineguagliabile personalità".

"Con sentimenti di intensa partecipazione al lutto della famiglia reale e del Regno Unito, rinnovo le espressioni del profondo cordoglio dell'Italia ed esprimo fervidi voti augurali per l'inizio del regno di Vostra Maestà".

Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, esprime in una nota "profondo cordoglio" per la scomparsa di Sua Maestà la Regina Elisabetta II. "La Regina Elisabetta - rileva - è stata protagonista assoluta della storia mondiale degli ultimi settant'anni. Ha rappresentato il Regno Unito e il Commonwealth con equilibrio, saggezza, rispetto delle istituzioni e della democrazia. È stata il simbolo più amato del suo Paese e ha raccolto rispetto, affetto, simpatia ovunque nel mondo. Ha garantito stabilità nei momenti di crisi e ha saputo tener vivo il valore della tradizione in una società in costante e profonda evoluzione".

"Il suo spirito di servizio, la sua dedizione al Regno Unito e al Commonwealth, la profonda dignità con cui ha ricoperto la sua carica per un periodo così lungo - dice ancora - sono state una fonte incessante di ammirazione per generazioni. Alla Famiglia Reale, ai Governi e a tutti i cittadini del Regno Unito e dei Paesi del Commonwealth, le più sentite condoglianze".