Elisabetta, Obama: "Cortese e senza fronzoli, mi ricordava mia nonna"

(Adnkronos) - "Non avrebbe potuto essere più gentile ed attenta con me e Michelle". Così Barack Obama ricorda il suo incontro con la Regina Elisabetta, nel primo anno della sua presidenza nel 2009, in un video pubblicato sui social nel giorno dei funerali della monarca britannica. L'ex presidente la ricorda come "estremamente cortese, ma senza fronzoli, mi ricordava molto mia nonna".

"Quando stavamo appena iniziando a muoverci nella vita da presidente e first lady, lei ci ha accolti con straordinaria generosità", ricorda ancora Obama che poi racconta di un secondo invito della Regina, questa volta rivolto a Michelle e le figlie, Sasha e Malia.

"Buckingham Palace mi contattò per dire che sua Maestà aveva invitato Michelle e le due ragazze per un the - ha raccontato Obama - poi ha offerto alle ragazze un giro nella carrozza dorata nel parco di Buckingham Palace. Una generosità e considerazione che ha lasciato un segno nelle mie figlie".

A sottolineare il carattere pratico di Elisabetta, Obama afferma di aver notato come la Regina, che "aveva una grande gentilezza e considerazione umana", era "molto attenta alla durata degli incontri con gli ospiti a Buckingham Palace: guardava il suo orologio ed ad un certo punto diceva, Ok è il momento di andare". "Lo stesso faceva quando lei era ospite - conclude l'ex presidente - non voleva mai rimanere troppo, guardava il suo orologio e diceva, 'va bene, dobbiamo concludere'".