Elisabetta, presidente Comites Londra:"Carlo entrerà cuore italiani"

(Adnkronos) - La Regina è stata "indirettamente un simbolo, un punto di riferimento" per la comunità italiana in Inghilterra, soprattutto per i più anziani, che vivono da tanti anni in questo Paese che "li ha accolti ed ha permesso loro di avere un lavoro e una famiglia". Così l'avvocato e notaio Alessandro Gaglione, presidente dei Comites di Londra, commenta con l'Adnkronos la morte della Regina Elisabetta, sottolineando come il Re Carlo avrà - a suo modo di vedere - una prova "durissima davanti a sé" ovvero quella di entrare nel cuore delle persone e degli italiani che vivono in Inghilterra come c'era riuscita la madre.

Davanti alla notizia della scomparsa di 'The Queen', la "variegata" e "enorme" comunità italiana - composta ufficialmente da circa 470mila iscritti all'Aire solo considerando Londra e Manchester ma in realtà molto più nutrita – sta reagendo in modo "parzialmente diverso", spiega Gaglione, secondo cui gli immigrati italiani di prima generazione, quelli che magari sono nati qui o sono qui da più tempo, quindi la maggioranza, "hanno provato pathos nei confronti dei cittadini del Regno Unito" perché "identificano con la Regina il Paese che ci ha accolti e che ci ha fatto sentire come a casa", mentre per evidenti motivi questo sentimento non è così evidente magari nei giovani, che "sono arrivati qui da qualche mese" e hanno "una sensibilità diversa".

La Regina, prosegue il presidente dei Comites, è stata una figura "amata trasversalmente" e una di quelle personalità "entrata nei cuori" delle persone, anche di qualcuno che non vede di buon occhio la monarchia come istituzione. Ecco perché nella comunità italiana, anche vedendo le reazioni sui social, oggi prevale "il senso di tristezza, di lutto" come per quei leader che "godono di rispetto trasversale".

Gaglione evidenzia quindi come re Carlo abbia davanti a sé un "compito enorme, difficilissimo" che "non è tanto quello di fare il Re, dal momento che la monarchia è oggi molto sfumata, ma insinuarsi in qualche modo nel cuore delle persone. Non dico cancellare Elisabetta, che è impossibile, ma rubare un po' di spazio alla Regina" e mantenere lo stesso livello di "affetto" che c'era tra la monarca e la comunità italiana e l'Italia. "Ma sono fiducioso che sarà ben accolto dalla comunità italiana , non vedo ostacoli", puntualizza l'avvocato.

Gaglione ricorda quindi con particolare affetto due immagini di Elisabetta, la prima più recente è "la chiacchierata con l'orsetto Paddington" in occasione del suo Giubileo di platino, che "è rimasta veramente nel cuore delle persone", l'altra è una foto iconica del passato in cui sorrideva con affetto passando davanti al principe consorte in alta uniforme. "Un ricordo più personale - conclude - risale a un po' di anni fa. La vidi passare durante un evento pubblico e per un secondo ho avuto modo di incrociarle lo sguardo. Negli occhi ho visto l'amore per le persone ed i bambini che intorno a lei la stavano acclamando".