Ellybee, cioè imparare l’inglese tra libri e realtà aumentata

Ellybee è un progetto nato per aiutare i bambini a imparare l’inglese divertendosi. Oltre a leggere numerosi libri illustrati, i bambini potranno vedere e ascoltare la voce della simpatica Ape Elly.

Imparare l’inglese fin da piccolissimi, iniziare a prendere confidenza con le parole straniere prima ancora di andare a scuola, o nei primissimi anni delle elementari. Ormai l’inglese è fondamentale nel mondo moderno e in Italia stiamo cercando di chiudere il netto gap con gli altri Paesi, soprattutto europei, dove la seconda lingua fa parte della vita quotidiana.

E per questo è nata Ellybee, una start up innovativa che ha sviluppato un nuovo metodo educativo brevettato, che promuove l’uso della realtà aumentata per l’insegnamento dell’inglese nei bambini già in età prescolare. Ma di cosa si tratta? Ellybee è un progetto nato per aiutare i bambini a imparare l’inglese divertendosi. Oltre a leggere numerosi libri illustrati, i bambini potranno vedere e ascoltare la voce della simpatica Ape Elly tramite uno smartphone o un tablet grazie alla realtà aumentata. Sarà sufficiente scaricare l’app di Ellybee, dove l’ape Elly diventa assistente virtuale e aiuta i bambini e i loro genitori o insegnanti a pronunciare le parole in maniera corretta anche a casa o a scuola: grazie al supporto di Elly e alla pazienza di un adulto, imparare l’inglese sarà per ogni bambino semplicissimo e divertente.

Unire studio a gioco, il tutto avvicinando i più piccoli anche alle nuove tecnologie. I bambini di oggi, infatti, in quanto nativi digitali usano spontaneamente ogni tipo di tecnologia: necessitano dunque di stimoli veloci, pur restando irresistibilmente attratti dalla narrazione delle storie e dai libri. Ellybee si configura come il punto di contatto tra la magia dei libri e il digitale.

Inoltre, questa nuova startup può unire facilmente altri due mondi, quello della scuola e quello della famiglia. Ellybee, infatti, può essere utilizzata a scuola o a casa, come qualsiasi altro libro. L’insegnante utilizza una tecnologia all’avanguardia con il minimo sforzo, in grado di stimolare i bambini e aumentando così l’efficacia del processo di apprendimento. A casa, invece, il bambino usa lo smartphone o il tablet con un genitore.