Elogio dell’Occidente libero della figlia del leader di Forza Italia e presidentessa della Mondadori

·1 minuto per la lettura
Marina Berlusconi
Marina Berlusconi

Marina Berlusconi sulla genesi del fenomeno Putin ha le idee chiare: “Mio padre è stato il primo a denunciare il pericolo”. In una intervista a Il Giornale l’elogio dell’Occidente libero della figlia del leader di Forza Italia e presidentessa della Mondadori ha toccato anche il tema della guerra e della libertà. Ha detto la Berlusconi: “Qui non possiamo che stare dalla parte di un popolo aggredito e dei valori del mondo democratico cui appartiene, e contro un aggressore che in realtà ha dichiarato guerra a tutto l’Occidente, alla sua identità e alla sua cultura”.

Marina Berlusconi, il padre e Putin

E in ordine al ruolo che suo padre ha avuto nelle dinamiche geopolitiche occidentali? Per lei il Silvio Berlusconi che, magaricon un mese di ritardo, ha condannato duramente le azioni di Putin è quello stesso Berlusconi che di Putin e di Pechino aveva intuito la minaccia in tempi non sospetti: “Mio padre ha fatto e ha detto le cose giuste al momento giusto. La sua posizione è sempre stata netta. Per tanti anni è stato il più convinto sostenitore della necessità di un esercito e di una politica estera comuni dell’Unione, e il primo a denunciare i pericoli del neoimperialismo cinese e di un abbraccio con la Russia”.

I difetti dell’Occidente che sono i suoi pregi

E sull’Occidente la figlia del leader di Forza Italia ha detto: “Il sistema occidentale basato sulla libertà e sulla democrazia avrà mille limiti e difetti, ma ha sicuramente molti più pregi, a cominciare dal fatto che lo si può criticare anche aspramente senza il rischio di finire in galera”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli