Elton John si racconta: “Ho rischiato di morire”

Elton John

Nel libro “Me“, in uscita il 15 ottobre 2019, Elton John rivela dettagli inediti della sua esistenza. In particolare fa riferimento al periodo della sua malattia e di una complicanza che è insorta dopo le operazioni.

Elton John e la malattia

I fatti risalgono al 2017, quando il musicista protagonista del film Rocketman contrae un tumore alla prostata. Di fronte alla scelta tra sedute di chemioterapia e operazione, ha preferito la seconda. Un po’ per evitare di doversi recare tutte quelle volte in ospedale, cosa che avrebbe compromesso i suoi tour.

E un po’ anche per i suoi figli, perché non voleva che il cancro incombesse su di loro per troppo tempo. Una scelta che non fanno molti uomini perché, si legge in un’anteprima del libro, “è un’operazione importante, poi non puoi fare sesso per almeno un anno e non hai il controllo della vescica per qualche tempo“.

L’intervento chirurgico in realtà andò bene, ma in seguito contrasse un’infezione che gli causò seri problemi. In quei momenti, da solo in ospedale, ammette di aver pregato più volte affinché potesse tornare dalla sua famiglia e vivere ancora qualche anno.

Ma le condizioni erano davvero gravi e i medici, non avendo l’ospedale le attrezzature adatte per curarlo, avvisarono il marito David Furnish che Elton si trovava a 24 ore dalla morte. Fu quindi trasferito d’urgenza in una clinica specializzata di Londra, dove fu ricoverato in terapia intensiva.

Dopo undici giorni di ospedale però, il sollievo. Il musicista britannico è stato dimesso e ha trascorso sette settimane a riprendersi, “imparando a camminare di nuovo“.