Emanata la prima direttiva per politica industriale della Difesa

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 29 lug. (askanews) - "L'industria dell'Aerospazio, Difesa e Sicurezza rappresenta una delle più competitive realtà industriali italiane. Un patrimonio di conoscenza e occupazione qualificata in cui risiede una parte importante della sovranità dell'Italia, nonché della sua appartenenza alla cerchia dei Paesi tecnologicamente ed economicamente avanzati. Entrambe condizioni indispensabili per assicurare libertà e sicurezza alle future generazioni di italiani".

Così il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini che giovedì 29 luglio 2021 ha emanato la prima Direttiva per la politica industriale della Difesa.

L'obiettivo è garantire l'efficacia dello Strumento militare al fine di soddisfare le esigenze operative delle Forze Armate, dando impulso, al tempo stesso, al consolidamento del vantaggio tecnologico e, quindi, della competitività dell'industria nazionale di settore. Per continuare a garantire al Paese e alle sue eccellenze industriali un posizionamento di rilievo nei principali e più innovativi programmi di cooperazione europei ed internazionali, e accrescere la rilevanza tecnologica del know-how italiano nel mondo.

"La crescente competizione tra gli Stati - sostiene il Ministro Guerini - si esprime sempre di più anche attraverso la capacità e la dimensione industriale e tecnologica. Questo aspetto è ancor più sensibile nel campo della politica di difesa".

La Direttiva intende promuovere una mirata politica industriale della Difesa, indirizzandola in questa fase particolarmente complessa, aggravata dall'emergenza sanitaria, dove è quanto mai prioritario contribuire all'azione di rilancio economico del Paese, valorizzando l'intero potenziale esprimibile dall'Industria della Difesa.

Partendo da quanto già fatto per lo sviluppo di una strategia industriale e tecnologica della Difesa, ma con il rinnovato intento di adeguarlo alla complessità dell'attuale scenario in cui l'industria italiana del settore è chiamata a raccogliere la sfida della globalizzazione, dell'innovazione digitale e della transizione ecologica. In un momento in cui ha ripreso velocità il processo dell'integrazione della Difesa europea.

"La dimensione industriale è, perciò, un aspetto determinante anche nel processo d'integrazione della Difesa Europea - ha concluso il ministro - finalmente avviato in uno scenario di competitività globale e crescente affermazione delle identità nazionali e assume rilevanza geopolitica, fungendo, anche negli accordi tra governi, da fattore catalizzante delle cooperazioni con altri Paesi e del rafforzamento del ruolo internazionale dell'Italia".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli