Emanuela Carpani: "A San Marco situazione drammatica. L'acqua alta a Venezia potrebbe fare danni irreversibili"

Federica Olivo
Emanuela Carpani - la cripta della Basilica di San Marco

“La situazione è drammatica”, lo dice subito Emanuela Carpani, direttore della soprintendenza dei Beni culturali di Venezia quando HuffPost le chiede della Basilica di San Marco, allagata dall’acqua alta che ieri ha toccato quota 187 cm. Era andata peggio solo nel 1966, quando erano stati raggiunti i 194 cm. Dal momento in cui l’acqua ha iniziato a inondare la città, entrando nei suoi monumenti, mettendo a rischio un patrimonio inestimabile, la Soprintendente è in costante contatto con il Mibact e con i responsabili dei beni culturali di Venezia e delle zone limitrofe. Oggi una nuova alta marea ha interessato la laguna e le previsioni non promettono niente di buono per i prossimi giorni, è quindi ancora presto per quantificare i danni, ma ci sono, questo è certo. E alcuni, spiega, potrebbero essere irreversibili. A preoccupare, in particolare, è la basilica di San Marco, dove la Soprintendente andrà domani. Ma la situazione di allarme è diffusa: anche in altri monumenti di Venezia, e della laguna, si inizia a fare la conta dei danni.

Qual è la situazione in queste ore?

“Guardi, in questo momento la situazione è drammatica. Oggi ho sentito il proto della Basilica di San Marco e mi ha elencato i danni che ci sono stati. Domani dovremmo andare a fare un sopralluogo, verificheremo insieme per provare a fare una prima stima dei costi di manutenzione e di ripristino. Quanto agli altri monumenti, ancora non riusciamo a quantificare i danni, ma quando la pioggia ci lascerà tregua dovremo fare una valutazione ed individuare le prime operazioni urgenti da effettuare”.

A proposito di San Marco. Abbiamo visto le foto della cripta allagata. Fino a dove è arrivata l’acqua?

“La Basilica è nel punto più basso della città e la parte del nartece (la parte tra le navate e la facciata, ndr) si allaga anche con maree di intensità minore, dagli 80 cm in su. Ma stanotte l’acqua è arrivata nella cripta e in buona parte della chiesa. Quindi sicuramente...

Continua a leggere su HuffPost