Emanuela Orlandi, quella telefonata nella sera in cui è scomparsa

Andrea Purgatori

La stessa sera della scomparsa di Emanuela Orlandi, il 22 giugno 1983 intorno alle 20,30 (nemmeno due ore dopo che è stata vista uscire dalla scuola di musica a Sant'Apollinare, dietro Piazza Navona), uno sconosciuto chiama il Vaticano e chiede di parlare urgentemente con il segretario di Stato, cardinale Agostino Casaroli. Ha qualcosa di importante da comunicare, dice. Ma Casaroli è in Polonia con Giovanni Paolo II, per una visita ufficiale. E le suore di turno al centralino non danno gran peso alla telefonata: ogni giorno c'è qualcuno che vuole parlare con il Papa o qualche alto prelato, insomma è pieno di spostati. Dunque, girano la chiamata alla Sala Stampa, ancora aperta. Ma a chi gli risponde, l'anonimo interlocutore consegna un messaggio tutt'altro che vago: Emanuela è stata rapita.

Attenzione però, a quell'ora in casa Orlandi sono solo preoccupati per il ritardo inspiegabile di Emanuela. I genitori, il fratello, non si sono ancora mobilitati per setacciare Roma. E in Vaticano la telefonata viene classificata come uno scherzo di dubbio gusto. Ma il 23 giugno, dopo che per una notte intera i gendarmi hanno lasciato un portone aperto per consentire a familiari e amici di entrare e uscire, il Papa viene informato della telefonata e di quello che sta accadendo. La notizia gliela danno sull'aereo che lo sta portando a Roma insieme al cardinale Casaroli e al sostituto alla Segreteria di Stato, arcivescovo Eduardo Martinez Somalo. E qualcuno decide subito di far calare il silenzio su quella telefonata di cui non si è mai saputo nulla per 35 lunghissimi anni, fino ad oggi.

Sulla oscura vicenda di Emanuela, la Santa Sede ha sempre fatto sapere di avere trasmesso alla magistratura italiana ciò di cui era a conoscenza o poteva essere conservato negli archivi. Poco o niente in verità, ma è un fatto che in quel poco non ci sia alcuna traccia della telefonata di cui l'Huffpost è venuto a conoscenza. Un elemento cruciale che avrebbe potuto indirizzare le...

Continua a leggere su HuffPost