Emanuele Filiberto di Savoia entra in politica e fonda "Più Italia"

Emanuele Filiberto di Savoiai (Photo by Neville Hopwood/Getty Images for The Dubai Mall)

Emanuele Filiberto di Savoia annuncia la discesa in campo e fonda un vero e proprio partito politico: Più Italia. Prima con un videomessaggio a sorpresa sui social, poi in collegamento tv con Mattino 5, il Principe ha spiegato di voler avviare un programma per riqualificare il futuro del Paese.

“Diciamo la verità, l'Italia era già in crisi. Poi il Covid-19 ci ha messo di fronte ad una sfida che mai avremmo immaginato. Una sfida per la scienza, per il mondo della sanità e soprattutto per l'economia, ma anche per questa cattiva abitudine di rimandare la soluzione dei problemi", ha dichiarato Emanuele Filiberto su Facebook.

GUARDA ANCHE - Emanuele Filiberto: “I reale stanno per tornare”, ma è uno spot tv

"Non è questo il tempo della polemica, semmai è il tempo dell'amore. Vedete, ho sempre amato il mio Paese, fin da piccolo, quando potevo solo guardarlo da lontano. E ancora di più lo amo oggi, un oggi che sembra però non aver domani. E allora mi son deciso a fare qualcosa di concreto per la nostra Italia", si sente nel videomessaggio, mentre immagini di fabbriche e ospedali si alternano a quelle dei monumenti delle principali città.

LEGGI ANCHE: "Emanuele Filiberto ha copiato (male) Berlusconi"

"Purtroppo ogni volta che decido di fare qualcosa mi si associa alla politica. Ma questo è veramente un atto di una persona che ama l'Italia, che soffre nel vederla così e vuole fare qualcosa di concreto". Emanuele Filiberto di Savoia ha pensato a un think thank "per il futuro dell'Italia". "E' un'idea che avevo già da parecchio tempo. L'Italia dal 2008 è in crisi ed è uno dei pochi Paesi in Europa che non si è ancora risollevato. Ora il problema del coronavirus rischia di metterla veramente in ginocchio e io non vedo delle proposte concrete, non vedo un governo che voglia guardare al futuro e capire cosa succede".

Più Italia prevede anche la presenza della figlia Vittoria e di Frederic Mitterand, già ministro francese della cultura e nipote dell’ex presidente. “Ho chiamato intorno a me donne e uomini esperti nelle competenze che l’Italia sa esprimere per costruire un nuovo promettente futuro - ha detto Emanuele Filiberto - Potreste dire che il nostro primo problema riguarda l’oggi, ma penso che sia saggio e coraggioso insieme impegnarsi con il pensiero e con l’azione per consegnare ai nostri figli un’Italia per cui essere fieri del cui futuro non sentiamo mai parlare, perché la politica lo ha cancellato. Questo è il vero problema”.

“Qui e ora” è il motto della sua Più Italia, che “intende suonare la sveglia ad un Paese ingarbugliato dalla troppa burocrazia”. Il primo appuntamento è con un webinar in programma giovedì 11 giugno. Il tema: l’economia. Con il coordinamento di Giuliano Noci (prorettore del Politecnico di Milano) ne parlano: Ennio Doris (presidente Banca Mediolanum), Frederic Mitterand, Carlotta Pignatti Costamagna (presidente Pellan italia), Mauro Porcini (Ced Pepsi Co.), David Quammen (filosofo e scrittore) Daniele Rossi (Consigliere Delegato Confagricoltura per la Ricerca & Innovazione), Giordano Riello (presidente NPlus Italia), Fabrizio Sammarco (Ceo ItaliaCamp).

GUARDA ANCHE - Luciana Littizzetto a Emanuele Filiberto: “Non tornare”