Emergenza coronavirus, donazione dei migranti di Parma agli ospedali

·2 minuto per la lettura
coronavirus donazione migranti
coronavirus donazione migranti

Un gesto davvero molto quello di un gruppo di migranti togolesi della onlus Svoltare che hanno donato 500 euro per sostenere gli ospedali di Parma, Fidenza-Vaio e Borgotaro che si trovano a dover fronteggiare l’emergenza coronavirus.

La donazione di un gruppo di migranti

Un gruppo di migranti togolesi della onlus Svoltare ha deciso di fare una donazione volta a sostenere gli ospedali di Parma, Fidenza-Vaio e Borgotaro impegnate nell’emergenza coronavirus.

“Ciao nostro caro Paese Italia, Paese di pace, tu che ci hai salvato la vita, tu che ci hai accolto, tu che ci hai ospitato e adottato. Oggi sei in crisi contro un nemico invisibile e non abbiamo la forza per combattere questa epidemia ma solo il bene dell’Italia è il nostro bene e il male dell’Italia è il nostro male. È per questo motivo noi, una decina di migranti togolesi di Parma, abbiamo deciso di esprimere il nostro dolore partecipando alle donazioni sul coronavirus“. Per poi concludere: “Approfittiamo per augurare una fretta guarigione ai malati e per porgere le nostre sincere condoglianze a tutti coloro che hanno perso i loro familiari. Forza Italia. Viva l’Italia. Insieme ce la faremo”, hanno quindi concluso.

“Oggi ho ricevuto questa lettera e mi sono commosso. È tutto quello che hanno, ma vale più di tutto l’oro del mondo“, ha affermato il sindaco di Parma, Federico Pizzarotti. Ma non solo, anche la comunità etiope di Parma e Provincia ha voluto dare il proprio contributo attraverso una donazione di quasi 9mila euro, frutto di una raccolta fondi, destinato alle alla Fondazione Munus. Quest’ultima, infatti, ha dato il via ad una raccolta fondi per sostenere le attività degli ospedali.

“L’unione fa la forza e con questo umile gesto vogliamo sentirci parte integrante nella nostra amata città di Parma e dire a tutti che siamo al suo fianco in questo periodo difficile e complicato. L’idea di supportare le attività di assistenza ai malati Covid è partita da una componente del gruppo, che, per diversi giorni è stata ricoverata e in ospedale è rimasta impressionata dalla professionalità e dall’impegno di medici e infermieri nel fronteggiare il virus e nell’assistenza ai pazienti. La donazione vuole essere un ringraziamento e un sostegno al loro operato. La raccolta fondi ha unito in questo momento oltre un centinaio di etiopi residenti nel parmense e creando il gruppo del Volontariato Etiope di Parma e Provincia“.