Emergenza Coronavirus, milanesi divisi sulle misure del Dpcm

·1 minuto per la lettura
Emergenza Coronavirus, milanesi divisi sulle misure del Dpcm
Emergenza Coronavirus, milanesi divisi sulle misure del Dpcm

Milano, 26 ott. (askanews) – Misure troppo drastiche che metteranno in crisi intere categorie di commercianti. Misure necessarie per sperare forse di salvare almeno il Natale, un momento importante per le famiglie ma anche per i consumi. I milanesi sono divisi sulle nuove misure entrate in vigore oggi col Dpcm firmato dal premier Giuseppe Conte per contrastare l’emergenza Covid-19. “Credo che i danni economici provocati all’indotto siano più gravi dei danni sanitari che la popolazione subirebbe se restasse tutto aperto”, spiega un passante nel centro di Milano.

“Mi vergogno di essere italiana: fanno terorismo psicologico alla gente e ai commercianti”, dice una donna

“Credo sia meglio che chiudere tutto per altri due mesi. I ristoranti non sono una necessità per tutti”, afferma un altro.

“Sono misure abbastanza drastiche ma non è un vero lockdown. La questione delle scuole ha un costo sociale ed è la cosa più preoccupante”