Emergenza Covid, REM rinnovato e buoni spesa: a chi spettano?

·2 minuto per la lettura
Tutto ciò che c'è da sapere sul reddito di emergenza e i bonus spesa
Tutto ciò che c'è da sapere sul reddito di emergenza e i bonus spesa

Prevista una proroga del reddito di emergenza fino a settembre 2021: è quanto si legge nel Decreto Sostegni bis, che stanzia anche altri 500 milioni per i Comuni con l’obiettivo di distribuire i buoni spesa. Inoltre, altri 135 milioni sono destinati ai centri estivi e altre iniziative educative previste tra il primo giugno e la fine dell’anno.

Proroga del reddito di emergenza e buoni spesa: i requisiti per il REM

Per cui nell’anno 2021 sono riconosciute, ai soggetti che ne fanno domanda ovviamente, ulteriori quattro quote di reddito di emergenza, relative alle mensilità di giugno, luglio, agosto e settembre 2021. Ma, per l’appunto, chi può farne richiesta? Ai fini del riconoscimento del REM, si applicano i requisiti previsti dall’articolo 12, comma 1, del Decreto Legge del 22 marzo 2021, n. 41: è, dunque, richiesto ai nuclei familiari che si trovano in condizioni di difficoltà economica, a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, che siano in possesso dei seguenti requisiti:

  • ISEE in corso di validità, ordinario o corrente, non superiore a 15.000 euro

  • valore del reddito familiare nel mese di febbraio 2021 inferiore ad una soglia pari all’ammontare del beneficio Rem

  • residenza in Italia, con riferimento al solo componente che richiede il beneficio

  • patrimonio mobiliare inferiore a 10.000 euro riferito all’anno 2020

  • nel nucleo familiare non devono essere presenti componenti che percepiscono, o hanno percepito, una delle indennità Covid-19 per i lavoratori stagionali del turismo, degli stabilimenti termali, dello spettacolo e dello sport.

Proroga del reddito di emergenza e buoni spesa: domanda e cifre del REM

La domanda per richiedere il reddito di emergenza deve essere presentata all’INPS entro il 31 luglio 2021 tramite il modello di domanda preparato stesso dall’INPS e presentato seguendo le modalità decise dallo stesso.

Inoltre, la quota del REM parte da un minimo di 400€ per arrivare ad un massimo di 800€. L’unico caso in cui il nucleo familiare può ricevere una somma maggiore, è quello in cui sia presente nel nucleo stesso un componente in condizioni di disabilità grave o non autosufficienza come definite ai fini Isee; in questa situazione si può arrivare a 840€.

Proroga del reddito di emergenza e buoni spesa: 500milioni per solidarietà alimentare delle famiglie povere

Mentre, per quanto concerne i bonus spesa, per essi sono stati programmati altri 500 milioni. L’obiettivo è di aiutare le famiglie più povere, facendo sì che ai nuclei familiari possano non macare i beni di prima necessità. I fondi saranno distribuiti sia in rapporto alla popolazione sia in base alla distanza fra il reddito pro capite nel Comune e la media nazionale.

Da non dimenticare i 450 milioni destinati alle Regioni, con il fine di rafforzare le linee più affollate del trasporto pubblico.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli