Emilia chiede l'eutanasia in Spagna ma le viene negata: morta suicida donna di 83 anni

·1 minuto per la lettura
Spagna emilia suicida
Spagna emilia suicida

Una storia terribile quella di Emilia, donna di 83 anni che dopo essersi vista negare l’eutanasia ha deciso di suicidarsi gettandosi dalla finestra del proprio appartamento a Saragozza.

Spagna, Emilia si suicida perché le viene negata l’eutanasia

Emilia era una donna di 83 anni che viveva a Saragozza, in Spagna, anche se ormai soffriva diproblemi di salute cronici e prolungati a un’anca che la costringevano da ormai diverso tempo a letto.

L’anziana donna ha così deciso di chiedere l’eutanasialegale nel suo Paese – che però le è stata negata dal medico di base, che siè rifiutato di prendersi la responsabilità. In seguito a questo dilacatissimo “No”, la 83enne ha deciso di togliersi la vita lanciandosi nel vuoto da una finestra del proprio appartamento di Saragozza, in Spagna.

Spagna, suicida perché negata l’eutanasia: le richieste

Secondo quanto riportato da fonti vicine alla donna, Emilia avrebbe fatto richiesta di poter usufruire di un proprio diritto, ovvero dell’eutanasia, già lo scorso luglio. All’epoca era da poco entrata in vigore la legge a riguardo in Spagna, e dalla prima richiesta fino a sabato scorso – 6 novembre, giorno del suicidio – non ha ottenuto risposta affermativa.

Spagna, suicida perché negata l’eutanasia: perché le è stata negata

Come detto, la donna si è tolta la vita sabato 6 novembre, mentre ieri si sono svolti i funerali. La legge spagnola stabilisce che l’aiuto a morire è garantito a persone affette da certi tipi di malattie gravi e incurabili, dopo un’analisi del caso da parte di almeno due medici estranei al caso. Inoltre, la norma prevede anche l’obiezione di coscienza per i sanitari chiamati in causa, diritto di cui si è avvalso il medico.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli