Emilia-R., 250 mila euro per imprese colpite da cimice ... -2-

Pat

Bologna, 10 set. (askanews) - "Questa mattina come Regioni del Nord Italia - ha ricordato l'assessore Caselli - abbiamo mandato al ministero della Politiche agricole una lettera congiunta con la richiesta di attivare un piano nazionale straordinario basato sostanzialmente su quello dell'Emilia-Romagna. Ho sentito poi il ministro Bellanova che ha confermato la volontà di incontrarci a breve". In quella sede "chiederemo anche il sostegno delle aziende agricole colpite attraverso l'istituzione di un fondo che permetta di affrontare le conseguenze di quest'anno difficilissimo e di ripartire il prossimo anno".

Un'altra richiesta che avanzeranno le Regioni è quella degli ammortizzatori sociali per i lavoratori dipendenti del settore. "Attraverso l'Arefhl, l'associazione europea delle regioni e dei produttori di ortofrutta - ha aggiunto l'assessore che ne è anche presidente -, ci stiamo attivando anche in Europa per chiedere un rafforzamento delle misure di prevenzione e gestione delle crisi nell'ambito dei fondi dell'Ocm e uno stanziamento dedicato, nei fondi per la ricerca, per progetti finalizzati a individuare efficaci metodi di lotta di questo insetto. Abbiamo già ottenuto un incontro con l'Unità Ortofrutta DG Agri per l'1 ottobre prossimo".

Il 20 settembre entrerà in vigore il provvedimento che modifica il recepimento della direttiva comunitaria Habitat da parte del nostro Paese e introduce una deroga al divieto di introduzione in natura di specie non autoctone: provvedimento che può consentire l'immissione della vespa samurai per contrastare la cimice.