Emilia-R., Regione: no abbattimento daini nel Ravennate e Ferrarese

Red/Gtu

Roma, 23 lug. (askanews) - Non c'è alcun piano di abbattimento dei due nuclei di popolazione di daini presenti nelle pinete di Lido di Classe (in provincia di Ravenna) e Lido di Volano(Ferrara). E la caccia alla volpe in tana è vietata, con la sola eccezione di interventi giustificati da motivi di sicurezza idrogeologica: lo ha chiarito l'assessore regionale all'agricoltura, Simona Caselli, rispondendo ad alcune interrogazioni consiliari in assemblea legislativa.

"Sono prive di fondamento - ha spiegato Caselli - le notizie di stampa che a più riprese hanno attribuito alla Regione Emilia-Romagna la volontà di avviare, per quanto riguarda i daini, interventi di abbattimento".

Per azzerare le problematiche riguardanti la presenza di un numero elevato di questi ungulati - l'ultimo censimento del 2018 ne ha contati complessivamente 311, il doppio rispetto al 2016 - che creano pericoli per il traffico di automezzi nelle strade adiacenti alle due aree, "la giunta regionale - ha proseguito Caselli- sta lavorando ad un Piano sperimentale per la gestione condiviso con gli altri enti territorialmente interessati: Carabinieri Forestali e Parco del Delta del Po. Un piano che prevede la cattura e sterilizzazione degli animali e il loro trasferimento presso strutture idonee messe a disposizione dai privati o in aree di presenza storica di questa specie sul territorio regionale".

"L'operazione - ha precisato Caselli - sarà condotta a più riprese, per numeri limitati di capi e sarà affidata a personale tecnico specializzato in operazioni analoghe effettuate con successo nella Riserva naturale di Castelporziano (Roma) e nel Parco di San Rossore (Pisa)". (Segue)