Emilia-Romagna, al via i concorsi per lavorare in Regione

Red/Gtu

Roma, 25 lug. (askanews) - In Emilia-Romagna parte la stagione dei concorsi in Regione. La prima tornata - spiega la Regione - riguarda i 447 posti per laureati (a cui si aggiungono 116 posti riservati solo ai dipendenti regionali laureati) per sei diversi profili professionali, per i quali è già possibile presentare le candidature, e lo sarà fino al prossimo il 13 settembre, alle ore 13. Ma è già programmata una seconda tornata concorsuale, a novembre, quando sarà la volta di 3 concorsi pubblici per diplomati. A dicembre, poi, sono già previsti concorsi per assumere con Contratto di formazione e lavoro giovani laureati nel settore agro-forestale e fitosanitario.

La prima tornata concorsuale riguarderà quindi chi è in possesso di diploma di laurea. I sei profili per i quali è possibile candidarsi riguardano specializzazioni in materie amministrativo-giuridiche; economico-finanziarie; gestione del territorio e del patrimonio pubblico; programmazione del territorio, dei trasporti e della tutela ambientale; agro-forestali; trasformazione digitale.

Per rendere più semplice avere informazioni e presentare candidature, è on line la sezione "Lavorare in Regione" sul sito della regione Emilia-Romagna, sito dal quale è possibile scaricare i testi dei bandi e dal quale è possibile accedere alla piattaforma informatica che consente di iscriversi ai concorsi. Il sito, oltre al dettaglio sui concorsi, fornisce anche una panoramica sulle opportunità legate al lavorare in Regione Emilia-Romagna. Una sezione è dedicata al welfare aziendale (asilo nido, polizza sanitaria e agevolazioni per la mobilità). Un altro link è sulla crescita professionale dove sono riassunte le opportunità formative. Infine, tutte le nuove modalità di lavoro (smart working, telelavoro e strumentazione tecnologica per i dipendenti) sono descritte nella sezione Tempi di vita-lavoro e digitale.(Segue)