In Emilia Romagna al via piano lotta batterio killer pomodoro

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 31 ago. (askanews) - Al via in Emilia Romagna il nuovo piano regionale di lotta contro il batterio-killer del pomodoro, il Ralstonia solanacearum. Si rafforza il piano d'azione della Regione per contrastare la diffusione del batterio originario dei Paesi tropicali e subtropicali che da qualche anno ha fatto sporadicamente la sua comparsa in alcuni appezzamenti coltivati a pomodoro in provincia di Parma e Ferrara, oltre che in campi di patate situati in altre circoscritte aree del territorio regionale.

Non esistono attualmente mezzi chimici e biologici per debellare e mettere definitivamente fuori gioco il patogeno, che causa l'appassimento delle piante di pomodoro, con gravi danni alle produzioni agricole. Pertanto, al momento l'unico rimedio per scongiurare l'allargamento del contagio è l'eliminazione delle piante infette e la disinfestazione di tutto ciò che è venuto a contatto con le produzioni contaminate.

Per monitorare costantemente l'evoluzione della malattia e studiare le tecniche di lotta più efficaci, la Regione si è dotata di un nuovo piano di intervento che abbraccia tutti gli aspetti della problematica, nell'ambito di una collaborazione strategica che coinvolge l'intera filiera, a partire dall'Organizzazione interprofessionale del pomodoro da industria del Nord Italia. Inoltre, è stato riconfermato l'impegno ad indennizzare gli imprenditori agricoli danneggiati dall'eventuale distruzione del raccolto che stanno collaborando attivamente con le loro associazioni al contenimento del problema.

Per quanto riguarda l'attività di ricerca e sperimentazione, la Regione, accogliendo una specifica richiesta dell'interprofessionale, ha avviato un programma triennale 2021-2023 di azioni finalizzate a migliorare la conoscenza delle modalità di diffusione del batterio, oltre a studiare tecniche innovative di contrasto e un affidabile sistema di sanificazioni degli impianti e adeguate rotazioni colturali.

È inoltre in corso di svolgimento una prova sperimentale sulla prevenzione del rischio di diffusione del pericoloso batterio in caso di contaminazione accidentale in un impianto-pilota di trasformazione industriale. La prova, finanziata dalla Regione, è svolta sulla base di un'apposita convezione tra al Consorzio fitosanitario di Parma e la locale Stazione sperimentale per le conserve alimentari.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli