Emilia-Romagna, Bonaccini: riapriremo i punti nascita

Red/Gtu

Roma, 13 gen. (askanews) - "Il ministro della Salute Roberto Speranza è stato di parola: riapriremo i Punti nascita. È ciò che gli avevamo chiesto fin dal giorno del suo insediamento e che il precedente governo non aveva saputo o voluto fare, nonostante i proclami": è quanto ha dichiarato il presisente della regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini oggi, a margine del convegno dello Spi Cgil a cui era presente anche il ministro Speranza, che ha ricordato come nel Patto per la Salute, alla scheda 15, è esplicitamente prevista la revisione del Decreto ministeriale 70 sulla parte dei punti nascita, tema sul quale il presidente Bonaccini lo ha sollecitato fin dal suo insediamento come ministro.

"Nel Patto per la Salute che abbiamo appena sottoscritto tra governo e regioni è indicata la revisione del Decreto ministeriale 70 per la disciplina e i parametri dei Punti nascita. E oggi, qui in Emilia-Romagna, Speranza ha confermato l'intenzione di procedere speditamente", ha sottolineato Bonaccini, assicurando: "Come Regione Emilia-Romagna siamo pronti a fare fino in fondo la nostra parte, mettendo le risorse finanziarie, umane e organizzative necessarie".

"Lo faremo garantendo la massima sicurezza per le mamme e i bimbi e assicurando il massimo presidio territoriale e di servizi nelle aree più distanti", ha sottolineato il presidente della regione, annunciando: "Già nelle prossime ore chiamerò i sindaci dei Comuni interessati del nostro Appennino (bolognese, modenese, reggiano e parmense) e insieme decideremo il percorso sul territorio".