Elezioni in Emilia Romagna, Di Maio sonda gli eletti

webinfo@adnkronos.com

Ha chiesto a parlamentari e consiglieri regionali dell'Emilia Romagna la loro opinione sulla linea da tenere in vista delle prossime elezioni e la risposta è stata pressoché la stessa: vogliamo che il M5S corra da solo. Al Senato Luigi Di Maio fa il punto con i suoi dopo la scoppola elettorale in Umbria. Il capo politico incontra gli eletti emiliano-romagnoli per decidere se archiviare o meno la parentesi delle alleanze locali, alla luce della debacle umbra. 

"L'indicazione principale arrivata dagli eletti - dice all'Adnkronos una fonte presente alla riunione - è di andare da soli, perché la corsa solitaria ci caratterizza di più: ci vediamo come un Movimento ancora alternativo alle logiche politiche in Regione". Nel corso della riunione è stata analizzata la sconfitta di domenica scorsa. "Un esperimento che non è andato bene e che quindi non è da ripetere". La linea, prosegue la fonte, "è che ci consideriamo alternativi alla destra e alla sinistra", estranei alle "visioni ideologiche": bisogna insistere "sui temi nostri e su quelli portare avanti le nostre proposte", la sintesi. Di Maio, racconta ancora la fonte, "ha voluto sapere come la pensiamo, ha messo tutte le opzioni in campo, tutte le possibilità. E tutti hanno espresso la loro opinione in libertà".Il clima, viene sottolineato, "è stato molto buono. Sono stati analizzati tutti i possibili scenari alla luce anche delle peculiarità del nostro territorio e del sentiment della nostra base". E la "linea predominante" è quella di "andare da soli". Dopo l'incontro con gli eletti in Emilia Romagna è iniziato il vertice con i parlamentari calabresi. 

"Quello di oggi con il capo politico del MoVimento 5 Stelle Luigi Di Maio è stato un incontro molto positivo. Siamo tutti concordi nel presentarci da soli, senza fare alleanze con i partiti, in occasione delle prossime regionali in Emilia-Romagna. Le uniche alleanze che valuteremo di fare saranno quelle con le liste civiche". Così Maria Edera Spadoni, vice presidente della Camera e parlamentare emiliano-romagnola del Movimento 5 Stelle al termine dell'incontro