In Emilia Romagna la chiave è la partecipazione. Guida al voto

Alessandro De Angelis
Elezioni Emilia Romagna

La chiave di questo voto in Emilia Romagna, madre di tutto le battaglie, è la partecipazione. Se aumenta nelle grandi città è un vantaggio per Stefano Bonaccini e il centrosinistra, se aumenta nei borghi minori e nelle campagne è un vantaggio per Lucia Borgonzoni e il centrodestra. Se è altissima, può succedere di tutto. Se è bassa, è un vantaggio per il centrosinistra, perché si mobilita più il tradizione voto di appartenenza che quel voto di opinione potenzialmente “contro” il Governo, all’insegna del “liberiamo l’Emilia per liberare l’Italia”. Quelli, per intenderci, che una volta votavano Pci, poi sinistra, poi Cinque stelle e ora Salvini: la protesta popolare profonda.

In questa breve guida al voto, chiamiamola così, occorre partire dalle Europee di sette mesi fa per trovare una chiave. È la stessa chiave che ha orientato la campagna elettorale dei partiti (non è un caso che Salvini abbia chiuso prima a Bologna, poi a Ravenna, vedremo perché, o il Pd a Bologna con Zingaretti, vedremo perché). Dicevamo le Europee, quando si è consumato il tracollo dei Cinque Stelle e la vittoria della Lega, scenario politicamente analogo all’attuale, in termini di quadro politico e rapporti di forza. Il 26 maggio la partecipazione fu del 67 per cento: 2.313.000 votanti, più alta delle ultime Regionali - primo campanello d’allarme della sconnessione sentimentale col popolo – e più alta anche delle Politiche, ma sostanzialmente in linea con le Regionali del 2010 e del 2005. In Umbria, tanto per dare un’idea, la partecipazione alle Regionali è stata più o meno la stessa delle Europee, solo due punti in meno. È presumibile, quindi che quella cifra (2.313.000) possa essere sufficientemente verosimile, punto più punto meno.

Ecco, alle Europee il centrodestra era avanti di 150 mila voti sul centrosinistra. Che nello stesso giorno però andò bene alle Amministrative. Chi votava Lega alle Europee ha votato coalizioni di centrosinistra o...

Continua a leggere su HuffPost