Emilia-Romagna: la ristorazione stellata vale 98 milioni di euro, in crescita la clientela internazionale

La ristorazione stellata in Emilia-Romagna: una risorsa economica diretta, ma anche un potente moltiplicatore di risorse per i territori, anche in termini turistici, che vale complessivamente 98 milioni di euro. Lo afferma l’indagine commissionata da Guide Michelin a JFC da cui emerge che, lo scorso anno in Emilia-Romagna, i 22 ristoranti stellati Michelin (uno a 3 stelle, due a 2 stelle e 19 a 1 stella) e i 32 “Bib Gourmand” (ovvero i ristoranti con il miglior rapporto qualità-prezzo, di cui la Regione detiene il primato numerico nella Guida rossa) hanno generato complessivamente 98 milioni di euro di fatturato. Di questa somma, solo il 42% è fatturato diretto per i ristoranti, mentre il 58%, pari a 57 milioni, rappresenta l’indotto distribuito a beneficio del territorio tra servizi, commercio e ospitalità. Il valore territorialeche sono in grado di attivare i ristoranti “stellati Michelin” e i “Bib Gourmand” a livello nazionale si riscontra al massimo livello in Emilia-Romagna. I dati sono stati presentati nel corso di una conferenza stampa cui hanno partecipato tra gli altri l’assessore regionale al Turismo Andrea Corsini, il curatore della ricerca Massimo Feruzzi e Marco Do direttore Comunicazione di Michelin Italia.