Emiliano: comuni Nord Salento mettano insieme energie e risorse

Red/Cro/Bla

Roma, 13 nov. (askanews) - "Noi stiamo chiedendo a tutti i comuni della Puglia, in modo particolare a quelli salentini, di costruire con il nostro aiuto, con i nostri finanziamenti e con il nostro tutoraggio, iniziative permanenti che diano a ciascun area, in questo caso al Nord Salento, una particolare attrattività e anche la possibilità di essere ben comunicati all'estero". Così il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano a margine di una riunione dell'Unione dei Comuni del Nord Salento, svolta nella serata di ieri presso il Comune di Campi Salentina. Alla riunione erano presenti i sindaci e alcuni Assessori dei comuni di Campi Salentina, Guagnano, Salice Salentino, Novoli, Squinzano, Surbo e Trepuzzi. Gli Amministratori locali insieme al Presidente della Regione Puglia e all'Assessore Regionale al Turismo e alla Cultura Loredana Capone si sono confrontati sulla possibilità di costituire un unico ente per la gestione degli eventi culturali nel territorio del Nord Salento.

"Ci piacerebbe parlare del Nord Salento - ha proseguito Emiliano - partendo dal vino, passando attraverso "le bande" e poi "la Fòcara" e la "Città del libro". Ovviamente, tutte queste cose o le fai innalzando il livello o rischi che non se ne accorga nessuno. Bisogna quindi mettere insieme le energie e non sprecare risorse e idee. Siamo qui per questa ragione: il Salento è per noi una grande risorsa turistica, culturale ed economica".

"I comuni del Nord Salento - ha spiegato l'assessore Capone - hanno cominciato un percorso di aggregazione importante. Lo hanno fatto intorno a progetti culturali, "Suomo illuminato" soprattutto, che parte da "Bande a Sud", ma poi valorizza e premia l'esperienza e i talenti dei comuni interessati. Noi vogliamo unire tutti i talenti e le capacità in un unico progetto di destinazione turistica e culturale. Noi siamo favorevoli a che parta dal basso questo processo di lavoro comune, attraverso accordi istituzionali, e siamo favorevoli a supportare un'azione che metta insieme i territori per proporsi anche all'estero come destinazione turistica culturale".