Emiliano: tutti votino a primarie, Puglia si sceglie... -2-

Pol/Vep

Roma, 30 dic. (askanews) - All'indirizzo di Stefano Emiliano ha continuato dicendo che "lui sta semplicemente insultando la nostra comunità e questa cosa lui non se la deve permettere. Se lui ha l'idea di andar fuori dal Pd a rinforzare le fila di un altro partito, lo faccia, ma non saboti le primarie e soprattutto non distrugga tutto ciò che di buono noi abbiamo fatto in questi anni".

"Non abbiamo bisogno di distruttori, abbiamo bisogno di costruttori che in libertà prendono le loro posizioni, anche contrastando quello che abbiamo fatto perché no, ma che stiano nel seminato di questa storia bellissima che parte dalle elezioni di Bari nel 2004, passa dalle elezioni di Nichi Vendola nel 2005, che attraversa la prosecuzione del governo della città di Bari con Antonio Decaro, la conquista di Lecce, la conquista di Brindisi e che ci ha consentito davvero di risalire la china della qualità della vita di tutte le città pugliesi come mai era avvenuto prima, nonostante la crisi economica che ci colpiva", ha aggiunto.

"Tutte queste sono cose positive del centrosinistra e in generale la comunità dei pugliesi. Noi parliamo di Puglia, noi rappresentiamo la Puglia, i nostri avversari rappresentano ciò che la Puglia evidentemente ha sempre rigettato, cioè il governo di questa terra da Roma o da Milano. Questa cosa non può essere e non avverrà", ha concluso.