Emily in Paris, Ucraina contro serie tv: "E' offensiva"

·1 minuto per la lettura

'Emily in Paris' di nuovo nel mirino con l'accusa di fare uso di stereotipi nella descrizione di fatti e personaggi. Secondo quanto riferisce il sito della Bbc, il ministero della Cultura di Kiev ha inviato una lettera di protesta a Netflix perché un personaggio della nuova stagione della serie tv, l'ucraina Petra (interpretata dall'attrice Daria Panchenko), coinvolge la protagonista nel furto di abiti e borse in un grande magazzino francese. Inoltre si veste senza gusto e ha continuamente paura di essere espulsa. "Un'immagine caricaturale e offensiva", ha scritto su Telegram il ministro della Cultura ucraino Oleksandr Tkachenko. E ha aggiunto: "E' così che vengono visti gli ucraini all'estero?".

Non è la prima volta che 'Emily in Paris' viene criticata. Quando è uscita la prima stagione ad arrabbiarsi sono stati soprattutto i francesi per le immagini stereotipate di Parigi e dei suoi abitanti, ritratti come persone maleducate che indossano berretti e spesso tradiscono i loro partner. Inoltre la seconda stagione mostra un'immagine stereotipata degli inglesi attraverso il personaggio di Alfie, un giovane bancario londinese che trascorre il suo tempo libero a bere nei pub e a guardare partite di calcio.

Darren Star, creatore della serie, si era difeso dicendo "di guardare Parigi attraverso una lente affascinante" e di avere attinto, per quella rappresentazione della città e dei suoi abitanti, alle proprie esperienze di visita a Parigi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli