Emily Ratajkowski: "Robin Thicke mi ha molestata sul set di Blurred Lines"

·1 minuto per la lettura
(Photo: Blurred Lines)
(Photo: Blurred Lines)

Emily Ratajkowski ha raccontato di essere stata molestata dal cantante Robin Thicke sul set del video di “Blurred Lines”, uno dei brani più ascoltati del 2013, contestato perché accusato di incitare la cultura dello stupro.

La modella parla dell’episodio nel suo libro di prossima pubblicazione, intitolato “My body”. Alcuni stralci, tra cui l’accusa a Thicke, sono stati riportati in anticipo sul Sunday Times.

Secondo la versione di Ratajkowski, il cantante sarebbe tornato ubriaco sul set dei videoclip diretto da Diane Martel solo “per girare solo con me”. “Dal nulla, ho sentito la freddezza e delle mani di uno sconosciuto che stringevano i miei seni da dietro. Mi sono allontanata istintivamente, guardando Robin Thicke”, scrive.

Ratajkowski ha raccontato di non averne parlato prima perché non voleva pensare a quanto era accaduto. Preferiva inoltre mantenere l’ambiente di lavoro tranquillo. Martel ha confermato l’accaduto: “Ricordo il momento in cui le ha afferrato i seni. Era dietro di lei mentre erano entrambi di profilo e mi sono messa a urlare “Cosa ca**o stai facendo? Basta così, le riprese sono finite!”.

Thicke si sarebbe successivamente scusato, affermando che da sobrio non avrebbe compiuto quel gesto. Era all’apice del successo e in quel periodo faceva uso di alcol e Vicodin. “Non ho fatto una sola intervista a sobrio” aveva raccontato all’Hollywood Reporter.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli