Emirati Arabi e Irena lanciano ETAF, acceleratore finanziario per i Paesi in via di Sviluppo

·3 minuto per la lettura

AGI - Gli Emirati Arabi Uniti e l'Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (IRENA) hanno annunciato mercoledì 3 novembre il lancio della piattaforma ETAF (Energy Transition Accelerator Financing), un nuovo strumento finanziario globale per accelerare la transizione alle energie rinnovabili nei paesi in via di sviluppo.
 
L'annuncio arriva dalla 26a Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici -  (COP26) di Glasgow, dove lo sceicco Abdullah bin Zayed Al Nahyan, ministro degli Affari esteri e della cooperazione internazionale, ha presentato la piattaforma Energy Transition Accelerator Financing (ETAF), un nuovo strumento finanziario globale per accelerare la transizione alle energie rinnovabili nei paesi in via di sviluppo.
 
La piattaforma, messa a punto con l'IRENA, ha l'obiettivo di garantire un finanziamento totale minimo di 1 miliardo di dollari tramite l'Abu Dhabi Fund for Development (ADFD) che ha già impegnato 400 milioni di dollari e la mobilitazione di risorse da altri partners. Attraverso un cofinanziamento, ETAF mirerà a mobilitare ulteriori 2 miliardi di dollari in investimenti per la transizione energetica, mirando a un dispiegamento totale di 1,5 GW di generazione e stoccaggio di energia rinnovabile pulita entro il 2030.
 
ETAF sarà gestito dalla sede di Abu Dhabi di IRENA. La nuova piattaforma inclusiva e multi-stakeholder vuole essere un acceleratore che aiuterà a mitigare i rischi di investimento e a finanziare progetti di energia rinnovabile nei Paesi in via di sviluppo che potrebbero avere difficoltà a garantire capitali sufficienti. Nel maggio scorso, gli Emirati hanno ufficializzato la loro candidatura ad ospitare ad Abu Dhabi i lavori di COP 28 nel 2023 e con questa nuova piattaforma danno vita alla prima partnership globale per il finanziamento dal Medio Oriente al resto del mondo di progetti sul clima.
 
Francesco La Camera, Direttore Generale di IRENA, ha dichiarato: “Siamo in un momento decisivo per mettere le nostre economie sulla strada della stabilità, della resilienza e della prosperità condivisa. La transizione energetica è uno strumento efficace per raggiungere questo obiettivo. Questa nuova piattaforma di investimento riflette l'impegno degli Emirati Arabi Uniti a plasmare un futuro sostenibile e gli sforzi di IRENA per sostenere i suoi oltre 167 paesi membri come partner indispensabili per la trasformazione energetica. Incoraggiamo le istituzioni bancarie, le istituzioni finanziarie, i governi e tutti gli stakeholder del settore privato ad unirsi a noi nel sostenere gli sforzi per lo sviluppo sostenibile."
 
Sultan bin Ahmed Al Jaber, ministro dell'Industria e della tecnologia avanzata e inviato speciale degli Emirati Arabi Uniti per i cambiamenti climatici, ha dichiarato: "Gli Emirati Arabi Uniti considerano gli aiuti allo sviluppo e l'azione per il clima come potenti catalizzatori per la crescita economica, sia a livello nazionale che internazionale.

La piattaforme aiuterà a  far progredire le economie dei paesi partner fornendo energia rinnovabile a basso costo per le imprese, l'industria e le popolazioni. Siamo orgogliosi di questo nuovo significativo contributo del Fondo per lo sviluppo di Abu Dhabi. Questo è il tipo di iniziativa che combina partnership, politica e finanza per progressi tangibili ed è proprio questa attenzione ai risultati pratici che ha motivato gli Emirati Arabi Uniti a offrirsi per ospitare la COP 28 nel 2023.”

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli