Emma e Mika a XFactor su Ddl Zan: "Brutta pagina di storia. Non è quella l'Italia che ama e accoglie"

·1 minuto per la lettura
- (Photo: getty - sky)
- (Photo: getty - sky)

“Una brutta pagina di storia”. Così, in apertura del primo live di X Factor, Emma e Mika hanno voluto dare il proprio sostegno al ddl Zan. Il sostegno dei due giudici del talent show si unisce a quello delle tante persone che in questi giorni sono scese nelle piazze italiane a favore del disegno di legge contro l’omotransfobia.

Un messaggio forte è arrivato anche dal palco di X Factori. Subito dopo l’opening che ha visto i quattro giudici entrare in scena sulle note di alcuni dei brani più famosi della storia della musica, a prendere la parola è stata Emma: “Mi dispiace di non poter festeggiare questa sera un passo avanti che aspettavamo e che riguarda tutti noi perché riguarda i diritti di tante persone. Le immagini che abbiamo visto ieri in Senato, quando è stato definitivamente bloccato il percorso del DDL Zan, sono state imbarazzanti e rimarrà una brutta pagina della nostra storia”.

Riferendosi agli applausi e all’esultanza in aula da parte di alcune formazioni politiche ha poi aggiunto: “Dicendo questo credo di poter parlare anche a nome dei miei colleghi al tavolo, in un programma che si è sempre impegnato e battuto contro ogni forma di discriminazione”. “Quello che abbiamo visto ieri non è l’Italia che io amo - ha aggiunto Mika - e soprattutto non è l’Italia che mi ha accolto e difeso in questi anni. Ma penso che la fuori c’è l’Italia che è capace di amare ed accogliere. Ed è quell’Italia che io scelgo e voglio continuare a credere”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli