Emma Marrone: “Junior Cally? L’arte deve essere libera”

EmmaMarroneJuniorCally

Dopo le polemiche che hanno investito Amadeus e Junior Calli alla 70esima edizione del Festival di Sanremo, Emma Marrone, di recente uscita dalla malattia, ha voluto dichiarare la sua opinione in merito.

Emma Marrone e Junior Cally

Al Festival di Sanremo 2020 sono scoppiate numerose polemiche: la prima riguarda Amadeus e la sua frase su Francesca Sofia Novello, scelta a suo avviso per la sua capacità “di stare un passo indietro a un grande uomo”. La seconda invece ha a che fare con un testo di Junior Cally giudicato sessista. Emma Marrone ha replicato alle critiche dichiarando che secondo lei l’arte “deve avere la libertà di esprimersi” mentre su Amadeus ha dichiarato: “Credo che sia stato frainteso. E lo direi anche se non fossi stata invitata. Amadeus non è un sessista o maschilista e non denigra le donne. Questa polemica sminuisce il dibattito: i toni vanno inaspriti quando si parla di vera violenza sulle donne.”

La cantante, da poco uscita dalla sua seconda battaglia contro la malattia, ha detto che su consiglio dei medici non farà più la tinta ai suoi capelli, e invece per quanto riguarda i ritocchini di chirurgia plastica si è detta fermamente contraria, affermando che come sua madre preferirebbe usare solo della buona crema e un po’ di rimmel, accettando che il suo corpo cambi col passare del tempo. In tanti sono impazienti di vederla sul palco dell’Ariston dove finora non sono mancate polemiche di ogni tipo: il direttore artistico di questa edizione ha comunque promesso che sarà uno show memorabile e ricco di sorprese.