Emporio Armani, atmosfere in technicolor

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Atmosfere in technicolor per Emporio Armani che per la collezione dedicata alla fall-winter 2021/2022 rimanda al vocabolario armaniano - in particolare degli anni ’80 - stravolgendolo con punte di colore acceso, a partire dalle lettere del brand scelte per il set della sfilata co-ed, nella quale non mancano tocchi di ironia. Lo stilista ha voluto rivisitare il modo di vestire classico in capi destrutturati e morbidi, con continui rimandi al mondo dello sportswear, giocando con linee, tagli e tessuti. Uno su tutti il velluto, stavolta declinato in chiave pop.

Per la donna, la silhouette è allungata e sottile, con la vita alta. In un gioco di contrappunti, l’opacità della maglia si alterna al bagliore serico del velluto, le lunghezze maxi dei cappotti al corto degli shorts indossati sulle calze coprenti. I blazer sono soft, illuminati da bottoni a boulle, mentre le giacche corte con coulisse richiamano il mondo dello sport. Grafismi e ricami percorrono le superfici, mentre tute e spalline sono declinate in chiave glam. A scandire il ritmo dello show le stampe effetto patchwork sugli abiti di velluto, che danno movimento a un flusso cromatico nel quale spiccano pennellate di viola e rosa su base nera. Ai piedi scarpe dai tacchi bassi, stivali calza e borsette a mano.

Per l'uomo, invece, le forme si fanno liquide e decostruite: giacche dalle spalle scese e foderate di pelo, sostituiscono i cappotti, mentre i coat realizzati in maglia o in tessuti di maglia, sono avvolgenti come vestaglie. I blazer senza collo sono portati come smoking jacket, convivendo con la rilettura delle forme dello sport: pullover e anorak di montone, oppure di lane spigate, blouson con patchwork di maglia e montone a creare inediti camouflage. L’abito sartoriale è invece in tessuto effetto denim. Per la sera domina il nero, discreto seppur luminoso e vellutato.