Empowerment al femminile, torna “9 Muse”: dobbiamo disturbare

·1 minuto per la lettura
Empowerment al femminile, torna “9 Muse”: dobbiamo disturbare
Empowerment al femminile, torna “9 Muse”: dobbiamo disturbare

Roma, 18 nov. (askanews) – Un evento corale di empowerment al femminile. Un “grido di battaglia” lo ha definito Veronica Benini, digital strategist che aiuta le donne a lanciare nuove realtà imprenditoriali sui social dove è conosciuta come “@Spora”. Arriva per la prima volta in modalità 100% online e in modo interattivo la quinta edizione di “9Muse”, in streaming il 21 novembre con una giornata di talk e approfondimenti.

Lo scorso hanno l’evento, aperto da Michela Murgia, ha coinvolto 2.000 donne dal vivo e quasi 10mila online. Quest’anno sono arrivate circa 20mila iscrizioni.

Tra le 9Muse 2020 ci sono tra le altre l’imprenditrice afro-italiana Evelyne Sarah Afaawua, Ceo e Founder di Nappytalia e pioniera del Natural Hair Movement in Italia e la make up artist transessuale e sorda Martina Panini alias @lastregadelmakeup, F

Veronica Benini: “Sono 9 storie di donne comuni che hanno avuto problemi professionali, personali, di lavoro, figli, coppia, malattia, ma ne sono uscite e raccontano la loro storia senza tralasciare le difficoltà e gli insegnamenti che ne hanno tratto, non sono le solite donne inarrivabili che spesso ci propina la stampa, 9 muse mette sul palco donne comuni dalle vite e dai risultati eccezionali”.

Storie che vogliono ispirare altre donne. “Le difficoltà delle donne ci sono ancora, a volte sono palesi, soprattutto in certe carriere sportive o lavori in cui ti dicono ‘non sono da donna…, bisogna battersi, il tema di quest’anno è disturbare e queste donne lo hanno fatto e ci racconteranno come disturbando si sono aperte la strada, per se stesse e per chi verrà dopo di loro”.