Enea: “Italiani preoccupati per crisi climatica ma non informati”

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 4 nov. (askanews) - Consapevoli della crisi climatica in atto, abbastanza preoccupati di ridurre il proprio impatto sull'ambiente, ma non sempre ben informati su cause, possibili effetti e misure di riduzione delle emissioni di gas serra a livello nazionale ed internazionale. È quanto emerge dal sondaggio lanciato dall'Enea con l'iniziativa "Se non lo sai, SALLO! Tutto quello che avreSte voluto sApere suL cambiamento cLimaticO (e non avete mai osato chiedere)" i cui risultati sono stati diffusi in occasione della COP 26 di Glasgow.

Ma che cosa sanno gli italiani del clima? Per quanto riguarda Clima e riscaldamento globale, nove su 10 hanno risposto correttamente alla domanda "I cambiamenti climatici esistono da sempre ma hanno subìto una notevole accelerazione dagli inizi del '900". Quasi tutti sono convinti che lo scioglimento dei ghiacciai (97%) e l'aumento del livello medio del mare (86%) sono causati dal cambiamento climatico; ma solo il 42% ha risposto correttamente alla domanda "L'ondata di calore del 2003 è ascrivibile alla febbre del Pianeta" e il 32% alla domanda il "Cambiamento climatico e crescente pressione antropica sull'ambiente sono tra le cause della pandemia da COVID-19".

Sul fronte delle Politiche e strategie per il contrasto al cambiamento climatico, quasi il 50% non conosce l'Accordo di Parigi né le date della COP26 di Glasgow, mentre sempre il 50% conosce l'esistenza del Piano Nazionale Integrato per l'Energia e il Clima ma non gli obiettivi di decarbonizzazione al 2030. Dalla sezione Aspettative e Buone Pratiche emerge che molti italiani adottano già pratiche virtuose come la raccolta differenziata (94%), la riduzione dell'uso di imballaggi di plastica (53%) o di plastiche monouso (74%), il contenimento dei consumi di acqua ed energia (71%) e l'acquisto di cibo locale e di stagione (79%). Tuttavia rispettivamente il 21% e il 19% dei partecipanti si dichiara contrario a ridurre i viaggi in aereo e il consumo di carne.

"Il questionario, composto da 20 domande suddivise in 5 sezioni, è stato compilato da oltre 1.300 persone, per la maggior parte di nazionalità italiana, con un'età tra i 10 e oltre 80 anni e una media di 34 anni, con il 60% che non superava i 40. Con nostra soddisfazione, circa il 30% è stato di un'età fra i 10 e i 20 anni. Le regioni più partecipi sono state Emilia-Romagna, Lazio e Puglia, mentre le province che hanno risposto di più sono state Roma e Bologna", spiega Melania Michetti, ricercatrice Enea della divisione Modelli e tecnologie per la riduzione degli impatti antropici e dei rischi naturali che ha ideato il sondaggio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli