Energia: Arera, 'da liberalizzazione vantaggi ma serve reale concorrenza e tutelare vulnerabili'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 19 mag. (Adnkronos) – L’Autorità per l'Energia "è ben cosciente che la completa liberalizzazione del mercato possa portare vantaggi per i clienti finali a condizione che, dal lato dell’offerta, si sviluppi una reale concorrenza, con la presenza di operatori affidabili in grado di soddisfare le esigenze dei clienti finali e di contendersi, con livelli di prestazioni confrontabili, quote realmente significative di clienti, e, dal lato della domanda, sia aumentata la conoscenza del mercato e la fiducia del cliente finale nell’ambito del rapporto con il venditore". Ad affermarlo è il presidente dell'Arera, Stefano Besseghini nel corso della sua audizione nella X Commissione Attività produttive, commercio e turismo della Camera dei Deputati.

Per il presidente di Arera "i predetti vantaggi potranno effettivamente realizzarsi qualora si avverino due fondamentali condizioni, sulle quali deve poggiare il processo di superamento della tutela di prezzo al fine di garantire l’efficacia delle procedure concorsuali, e, in ultima analisi, un prezzo competitivo ai consumatori". La prima condizione, rileva, "riguarda la necessità di tracciare un percorso graduale che permetta ad un numero adeguato di operatori di competere, per aumentare progressivamente la propria quota di mercato, così da acquisire e gestire in maniera efficiente una porzione significativa di clienti finali tra quelli attualmente ancora riforniti in maggior tutela (microimprese e clienti domestici)". La seconda condizione, aggiunge Besseghini, "concerne la necessità di assicurare le giuste forme di tutela ai clienti vulnerabili che, per le loro specifiche caratteristiche, potrebbero avere difficoltà a trovare offerte nel libero mercato vantaggiose o adatte alle proprie esigenze all’indomani della rimozione della tutela di prezzo".