Energia: Bonelli, 'su nucleare Calenda e Salvini ingannano italiani'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 8 set. (Adnkronos) – "Il nucleare voluta dalla destra costa 400 mld euro e vogliono finanziarlo mettendo le mani nelle tasche degli italiani. Guardate i loro finanziatori e capirete perché vogliono il nucleare. Calenda e Salvini stanno ingannando e mentendo agli italiani. Il leader di Azione si rifiuta di dire quanto costerà il suo piano nucleare da 40 GW. Visto che lui non lo dice, lo facciamo noi: costerà tra i 280 mld e i 400 mld di euro. Il nucleare non è un’energia sicura: basta raggirare gli italiani”. Così il co-portavoce nazionale di Europa Verde, Angelo Bonelli, esponente dell’Alleanza Verdi Sinistra con la quale è candidato alle prossime elezioni politiche.

“1 GW di nucleare, per la sua realizzazione, costa tra i 7 e i 10 mld di euro prendendo come riferimento i costi delle centrali nucleari in costruzione in Europa come Flamanville, dove dopo 15 anni i lavori non sono ancora terminati – prosegue l’esponente ecologista-. Calenda e Salvini non hanno il coraggio di dire i costi come non indicano dove vogliono costruire le centrali. Vogliono condannare gli italiani a pagare l’energia ad alto costo perché rispondono alle lobby che finanziano la loro campagna elettorale. Andate a vedere i finanziatori di Calenda e capirete tutto".

"Le bugie del leader di Azione sono inaccettabili, come quella che le energie rinnovabili non possono essere accumulate. È una fake news perché in tutto il mondo le rinnovabili si accumulano, negli Stati Uniti, ad esempio, il 6,2% dell'energia distribuita viene da accumulo delle rinnovabili. La destra di Calenda e Salvini è contro le rinnovabili perché a basso costo e perché sole e vento sono fonti energetiche gratuite”.