Energia: borsa elettrica, a ottobre prezzo -17,5% su anno, -10,7% su mese

·1 minuto per la lettura
Energia: borsa elettrica, a ottobre prezzo -17,5% su anno, -10,7% su mese
Energia: borsa elettrica, a ottobre prezzo -17,5% su anno, -10,7% su mese

Roma, 16 nov. (Adnkronos) – Prezzo dell'elettricità in calo alla borsa elettrica a ottobre. Ai minimi storici per il mese di ottobre il Pun, pari a 43,57 euro/MWh, che dopo quattro rialzi, registra anche una decisa riduzione mensile (-17,5% sul 2019 e -10,7% su settembre). Sul livello più basso per il mese in esame anche i volumi complessivamente contrattati nel Mgp (23,4 TWh, -5,1%); solo in debole riduzione annuale, invece, quelli transitati in borsa, con la liquidità del mercato al 72,4% (+3,3 p.p.). In flessione mensile e annuale anche tutti i prezzi di vendita, scesi a 42/45 euro/MWh sulla penisola e in Sardegna e a meno di 53 euro/MWh in Sicilia. Lo rende noto il Gestore dei mercati energetici (Gme) nella nuova newsletter.

Invertendo le tendenze rilevate nell’ultimo quadrimestre, caratterizzato dalla progressiva risalita del prezzo dai minimi storici dei mesi primaverili e la contemporanea graduale convergenza verso i più elevati livelli del 2019, ad ottobre il Pun, pari a 43,57 euro/MWh, torna a registrare una flessione mensile e un nuovo ampio divario annuale (-5,23 euro /MWh, -10,7% su settembre e -9,25 euro/MWh, -17,5% sul 2019).

Entrambe le dinamiche riflettono soprattutto la decisa riduzione degli acquisti, ai minimi storici per il mese di ottobre, cui si somma, su base annuale, il netto incremento dell’offerta rinnovabile e su base mensile la decisa crescita dell’import sulla frontiera settentrionale che compensa l’ulteriore aumento dei costi del gas al PSV (al massimo annuale, +1,93 euro/MWh) e la riduzione dell’offerta più competitiva, soprattutto a ciclo combinato.