Energia: Brugnaro (Ci), 'pensare a diventare autonomi per il futuro'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 26 ago. (Adnkronos) – “Il gas in questo momento e’ la questione più importante per tutti. Il governo in carica ha i poteri per affrontare questa crisi energetica, non ci sarà un vuoto di potere ma non bisogna neanche agitare paure. Io vengo dal mondo dell’impresa e dobbiamo immaginare come l’Italia affronterà questa crisi energetica e a come diventare autonomi per i prossimi anni, dobbiamo approfondire e continuare la ricerca sul nucleare pulito. Spostare la produzione la notte è un fenomeno diffuso e andrà fatta perché le imprese vengono al primo posto. Da noi quelle del vetro, della ceramica, le industrie della carta, occupano migliaia di posti di lavoro che sono a rischio. Il centrodestra deve avere questa idea di autonomia energetica, di sviluppare la tecnologia perche’ solo cosi sconfiggeremo anche i cambiamenti climatici e avremo piu’ posti di lavoro, basti pensare alle energie rinnovabili”. Cosi il sindaco di Venezia e presidente di Coraggio Italia, Luigi Brugnaro, e’ intervenuto sul tema energetico durante l’approfondimento del Tg plus di Cusano News 7.

Riguardo la flat tax proposta da centrodestra ricorda: “Nel nostro programma, e in particolare Noi Moderati, vogliamo abbassare le tasse alle persone e alle imprese ma prima vediamo i conti esatti dello Stato e poi possiamo dire come verrà realizzata. La pressione fiscale va equiparata a quella europea, gli investimenti devono essere produttivi perché i giovani che oggi non votano poi ci giudicheranno. Al Sud dobbiamo fare le dorsali informatiche che sono grandi fasci di fibra per avere una velocità di connessione”.

Sul suo operato da sindaco a Venezia Brugnaro conclude: “Noi abbiamo un turismo internazionale molto rispettoso dell’arte e dei monumenti ma dobbiamo farlo rimanere il più possibile in Italia. Bisogna creare una filiera che possa portare i turisti in più città italiane per fargli conoscere tutte le meraviglie anche dell’entroterra”.